iPhone 6s Live Photos rende più scure le foto

Fotocamera iphone 6s

Con i nuovi iPhone 6s migliorano sensibilmente entrambe le fotocamere, il sensore posteriore è da 12 megapixel, registra video 4K e permette di catturare Live Photos, brevi filmati di 3 secondi che animano il soggetto, rendendo le immagini meno statiche e più coinvolgenti. Questa nuova funzione è molto apprezzata da chi ha già la fortuna di avere tra le mani iPhone 6s ma ora si scopre che con Live Photos arriva anche un fastidioso inconveniente: le foto animate realizzate in condizione di bassa luce ambientale risulta sensibilmente più scure, granate e in generale di qualità visibilmente inferiore rispetto alle immagini che si possono ottenere effettuando una fotografia tradizionale.

In calce in questo articolo riportiamo due screenshot di iPhone 6s: a sinistra con Live Photos attivato l’immagine risulta più scura e di qualità inferiore, a destra invece Live Photos è disattivato e la foto risulta più chiara e di qualità superiore. L’inconveniente risulta fastidioso perché Live Photos è attivato di serie su iPhone 6s e non può essere disabilitato da Preferenze. Questo significa che estraendo il terminale dalla tasca ed effettuando uno scatto al volo, l’immagine è catturata in modalità Live Photos. Per effettuare una fotografia statica ed ottenere una immagine migliore occorre effettuare un tap sull’icona di Live Photos che cambia dal colore giallo a bianco, per mostrare che è stata disattivata manualmente.

È consigliabile effettuare questa procedura quando si desidera scattare una foto in condizioni di bassa luce ambientale, viceversa quando l’illuminazione è buona, la differenza è praticamente inavvertibile. Come spiega 9to5Mac le Live Photos risultano più scure e più sgranate perché iPhone di fatto registra un breve video di 3 secondi a 12 frame al secondo, in questo modo i singoli fotogrammi non ottengono l’esposizione ISO che normalmente iPhone impiega per le foto statiche.

live photos scure

Articolo precedenteApple registra iCloud in Europa associando il marchio anche per l’uso nei veicoli
Articolo successivoMacitynet prova Taskmator, erede di Taskpaper per la scrittura 2.0 su iPhone e iPad