Jony Ive sul design dei nuovi AirPods: “Quanti errori prima di arrivare al prodotto perfetto”.

Lo chief design officer di Apple parla delle nuove AirPods, spiega perché le prime reazioni all'epoca della loro presentazione non furono tutte favorevoli e perché poi tutto è cambiato trasformando l'accessorio in un grande successo.

Jony Ive, la nostalgia per il trasloco ad Apple Park, e la fiducia per Apple Watch

Jony Ive, chief design officer di Apple, è stato intervistato da GQ, la rivista statunitense dedicata all’universo maschile. Tra gli argomenti di cui ha parlato Ive, anche le nuove AirPods. Questo accessorio vanta numeri di vendita pazzeschi. Apple non indica cifre ufficiali ma analisti stimano 16 milioni di unità vendute solo nel 2018, prevedendo che arriveranno a 55 milioni quest’anno e a 110 milioni nel 2020.

Inizialmente il design delle AirPods non era stato da molti compreso o apprezzato e non sono mancati all’epoca meme di vario tipo per prendere un po’ in giro chi indossava questi auricolari. Successivamente però utenti e stampa specializzata hanno cominciato ad apprezzarli e capire la loro “filosofia”, i vantaggi che offrivano. Sull’iniziale scetticismo da parte di alcuni, Jony Ive spiega: “Era una comune reazione […] basata su una comprensione dal punto di vista di esperti del mondo accademico e non da chi conosce il prodotto dal punto di vista quotidiano”. “Le cose sulle quali tendiamo a discutere sono caratteristiche delle quali è facile parlare, ma il fatto che ne parliamo non significa che siano elementi importanti”, “vuol dire solo che è più facile parlarne”.

Parlando del lavoro che ha portato alla nuova versione degli auricolari, Ive evidenzia non solo l’aspetto esteriore ma l’interazione con la nuova custodia che consente di riporre gli auricolari e appoggiarli su una base di ricarica compatibile per effettuare la ricarica wireless.

Apple AirPods

Tra le peculiarità che pochi noteranno anche il perfetto meccanismo di chiusura della custodia. “Quando hai a che fare con oggetti intrinsecamente meccanici, penso sia fondamentale prestare attenzione a tutti gli aspetti del design. Esistono colori, forme e architetture di tutti i tipi, ma alcune sono più difficili da definire, come il concetto di comportamento di un semplice rumore o click, la forza di un magnete che consente a qualcosa di chiudersi”.

Lo Chief Design Officer di Apple riferisce che le prime versioni delle Airpods sulle quali aveva lavorato l’azienda non erano così “istintive” come il prodotto finale che è stato poi realizzato. Uno degli elementi oggetti di discussione è stato ad esempio, l’orientamento degli auricolari da indossati. “Amo questi dettagli, e non avete idea di quanti errori avevamo commesso per molto tempo in fase di progettazione e sviluppo”, evidenziando errori, prove e riprove per ottenere un accessorio che deve essere considerato perfetto da chi lo usa quotidianamente.