HomeMacityFinanza e MercatoLa fabbrica Tesla in California è la più produttiva in USA

La fabbrica Tesla in California è la più produttiva in USA

La storica fabbrica di Tesla che si trova a Fremont, in California, è oggi la più produttiva degli Stati Uniti, secondo i dati riferiti da Bloomberg. L’agenzia di stampa ha analizzato la produzione delle più grandi fabbriche automobilistiche del paese e con 8.550 auto che lasciano le linee di produzione Fremont ogni settimana, il produttore specializzato in auto elettriche è a quanto pare in grado di fare meglio di tutti i suoi concorrenti, anche meglio di quanto è in grado di fare Toyota nel gigantesco stabilimento del Kentucky che nel 2021 avrebbe prodotto una media di 8.427 auto a settimana.

La prestazione record non è tutto merito di Tesla, ma soprattutto legata al calo della produzione dei concorrenti, con le mani legate dalla carenza di componenti e altri ostacoli che hanno a che fare con pandemia, elementi che hanno portato a una diminuzione nella vendite di auto (tradizionali) nuove. L’azienda di Elon Musk rimane quindi indietro rispetto alla fabbrica Nissan nel Tennessee, che ha prodotto più di 10.000 auto a settimana fino al 2019, ma questa ha ridotto la produzione a 4.900 veicoli nel 2021.

Le prestazioni di Tesla nel complesso sono notevoli, perché il marchio di Elon Musk vanta una forte crescita nonostante la carenza di componenti. Laddove i suoi concorrenti sono stati costretti a più riprese a fermare le linee di produzione, l’azienda specializzata nella produzione di auto elettriche è riuscita a cavarsela senza grossi problemi grazie alla sua maggiore flessibilità. L’accurata gestione dei componenti grazie a suoi software ha in particolare consentito di cambiare fornitore più volte, senza particolare impatto sul cliente finale.

La fabbrica di Tesla in California ora la più produttiva degli USA

Lo stabilimento Tesla di Fremont in California, spiega ancora Bloomberg, è relativamente piccolo rispetto a quante auto vengono qui prodotte. Interessante il confronto con lo stabilimento di Toyota a Georgetown: i due stabilimenti sono paragonabili (una media di 8.500 veicoli a settimana), ma quello dell’azienda giapponese occupa quasi 84 ettari, e quello di Tesla 50 ettari. Inizialmente ritenuta troppo grande per le sue esigenze, la struttura di Tesla era in passato usata solo in parte (un quarto dello spazio disponibile) e ora è prossima alla capacità produttiva massima (uno dei motivi per il quale Tesla sta realizzando una nuova fabbrica molto più grande in Texas.

Anche il modo con il quale è progettata la Gigafactory di Austin è differnete da quello dei concorrenti: un grande blocco lungo 1,2 chilometri, una novità rispetto dlle tradizionali fabbriche di automobili, costituite da un insieme di più blocchi, scelta che riduce i costi e semplifica la gestione. Queste scelte nascono da esperienze maturate in Cina, nello stabilimento di Shanghai, che ora vanta una capacità produttiva di 14.000 veicoli a settimana.

Per tutti gli articoli di macitynet che trattano di automobili, veicoli elettrici e mobilità smart rimandiamo alla sezione ViaggiareSmart del nostro sito.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 256 GB a 617 €, minimo storico con sconto del 25%!

In offerta con sconto del 25% su Amazon il più recente Mac mini con processore M1 con SSD da 256 GB. Lo pagate solo 617 €, il minimo assoluto mai visto per questo computer
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial