La Francia contro i meccanismi di cifratura dei messaggi

Il ministro degli interni francese vuole un piano di azione internazionale per combattere i meccanismi di cifratura che consentono di scambiarsi messaggi con gli smartphone.

Cifratura messaggi

È necessario combattere a livello internazionale contro i meccanismi di cifratura che consentono di scambiarsi messaggi con gli smartphone. L’ha detto Bernard Cazeneuve, ministro degli interni francese, spiegando che chiederà al suo omologo tedesco Thomas de Maiziere, che incontrerà il 23 agosto, di avviare un piano congiunto di azione internazionale.

I servizi segreti francesi faticano a intercettare messaggi di estremisti islamici i quali avrebbero abbandonato i social media mainstream per passare ai servizi che consentono di inviare messaggi cifrati, con il cosiddetto Stato Islamico che è un grande utilizzatore di app quali Telegram e simili.

Reuters riporta quanto dichiarato dal ministro dopo una riunione di governo sulla sicurezza: “Molti messaggi concernenti l’esecuzione di attentati terroristici, sono inviati usando la cifratura; è una questione centrale nella lotta contro il terrorismo”. “La Francia presenterà suggerimenti specifici. Ho già inviato alcune proposte al collega tedesco”.

Cazeneuve non ha spiegato se la Francia intende obbligare operatori di telefonia e altri player del settore a non proporre e o sfruttare servizi che sfruttano tecniche di cifratura. Gli attentatori che hanno agito in Francia usavano Telegram, app molto utilizzata nel Medio Oriente, Asia centrale e sudorientale e America Latina.

Telegram presenta la sua applicazione di messaggistica come particolarmente focalizzata su velocità e sicurezza. Allo scopo è usato un protocollo denominato MTProto e sistemi di crittografia end-to-end che non lasciano tracce sui server. Funzionalità per le chat segrete supportano l‘autodistruzione dei messaggi e non permettono l’inoltro. Dal punto di vista tecnico, la crittografia è basata sulla crittografia AES simmetrica a 256-bit, sulla crittografia RSA 2048 e sullo scambio di chiavi di sicurezza Diffie-Hellman.

Il ministro degli interni tedesco Thomas de Maizière ha recentemente affermato che la Germania è nel mirino e presentato un pacchetto anti-terrorismo con l’intenzione di voler agevolare arresti ed espulsioni per i migranti che delinquono o minacciano la sicurezza nazionale.

Telegrames2