Le foto private su Facebook non sono state private per 12 giorni

A causa di un bug, alcune app di terze parti sono state in grado di accedere agli account e recuperare foto caricate su Facebook che si era scelto di non pubblicare: coinvolti 6,8 milioni di utenti

Le foto private di Facebook non sono state private per 12 giorni

Attenzione, perché le vostre foto di Facebook pubblicate privatamente, in realtà potrebbero essere state viste da qualcuno. Anzi, molto più di qualcuno: i numeri parlano di 876 sviluppatori che, attraverso 1.500 applicazioni di terze parti, a causa di un bug presente nelle API di Facebook sarebbero stati in grado di accedere agli account e recuperare le immagini che si era scelto di non mostrare pubblicamente.

Il problema è stato già risolto – spiega la società in un post carico di scuse – ma per ben dodici giorni, tra il 13 e il 25 settembre, ha coinvolto 6,8 milioni di utenti, potenzialmente quindi per altrettanti milioni di immagini che si era volutamente deciso di tenere nascoste. Ovvero tutte quelle immagini condivise sul Marketplace oppure sul proprio profilo spuntando l’opzione Visibile a “Solo io” oppure “Amici”.

Peggio, il bug avrebbe consentito di accedere anche alle immagini che si era deciso di pubblicare ma che poi non sono state mai caricate sul portale: Facebook infatti archivia una copia delle fotografie che si sta cercando di pubblicare ma che poi, magari perché salta la connessione a Internet proprio sul più bello, non si riesce effettivamente a caricare.

Le foto private di Facebook non sono state private per 12 giorni

Certo, pubblicare un’immagine in rete e pretendere poi che resti invisibile è pressoché un eufemismo soprattutto quando il database si chiama Facebook, che si è già trovata di fronte a diverse gatte legali da pelare (se diciamo Cambridge Analytica vi torna in mente qualcosa?) ed ora è nuovamente inciampata tra le tortuose strade della città chiamata Privacy.

Fortunatamente – si, sarebbe potuta andare peggio – il bug non ha coinvolto le foto scambiate privatamente tramite Messenger e, ovviamente, neppure quelle presenti sul rullino fotografico dello smartphone o archiviate sul computer. Se vi sta salendo l’ansia potete togliervela o confermare le vostre paure verificando se il vostro account è stato interessato da questo problema visitando il Centro assistenza di Facebook.

Se siete fortunati vedrete un messaggio con su scritto qualcosa tipo “Il tuo account Facebook non è stato interessato da questo problema e le app che usi non hanno avuto accesso alle altre tue fotografie”, in caso contrario non c’è più nulla da fare. Anzi, una cosa ancora si: potete evitare grane future cancellandovi da Facebook.