Prima dei modem per iPhone MediaTek fornirà chip Wi-Fi per HomePod

Diventare fornitori di Apple non è semplice: da mesi si vocifera del possibile impiego di chip modem Mediatek nei futuri iPhone, ma prima Cupertino potrebbe mettere alla prova il potenziale nuovo fornitore con un test di incarico meno gravoso

Prima dei modem per iPhone MediaTek fornirà chip Wi-Fi per HomePod

Forse un giorno Apple incaricherà MediaTek per costruire milioni di chip modem per iPhone, ma prima di poter diventare un fornitore Apple per il prodotto di punta il costruttore di Taiwan forse sarà ingaggiato da Cupertino per realizzare chip Wi-Fi personalizzati per HomePod.

Siamo nel campo delle indiscrezioni ma ormai da mesi il nome MediaTek è spesso associato a quello di Apple per i chip modem dei futuri iPhone. Considerando l’elevata complessità per progettare e poi per implementare un chip modem è più che lecito mantenere riserve su questo argomento.

mediatek homepod foto mediatek processore 1200 iconMa come spesso dimostrano le anticipazioni di settore, quando più fonti puntano tutte nella stessa direzione spesso significa che davvero qualcosa sta succedendo. Ma anche nel caso in cui MediaTek riuscisse a sorprendere l’intero mercato con il suo ultimo chip modem 5G Helio M70, per Cupertino non sarebbe ancora sufficiente. Per assicurare una fornitura di milioni di pezzi all’anno e uno sviluppo tecnologico costante è necessaria una collaborazione molto più stretta.

Così mentre gli analisti già evidenziano la possibilità per Apple di abbandonare non solo Qualcomm ma anche Intel per adottare chip modem MediaTek, gli addetti lavori formulano una ipotesi più concreta: per saggiare le competenze e la collaborazione Cupertino potrebbe ordinare a MediaTek chip Wi-Fi personalizzati, su misura di Apple destinati a HomePod.

La strategia non è nuova: anche in passato Cupertino ha dato il via a collaborazioni pluriennali con fornitori, inizialmente assegnando loro contratti per forniture di parti e componenti per prodotti non di punta e con livelli di produzione più contenuti. Solo successivamente con contratti più importanti, con budget multi miliardari e volumi nell’ordine di diverse decine di milioni di pezzi, come avviene ogni anno per iPhone.