Apple lavora per portare il monitoraggio del sonno su Apple Watch

Apple sta lavorando a funzioni per il monitoraggio del sonno da includere nelle future versioni di Apple Watch. I test sono in corso da tempo e sembra non dovremo attendere a lungo

Su Apple Watch presto funzioni per il monitoraggio del sonno

Apple starebbe lavorando a funzioni per il monitoraggio del sonno da includere nelle future versioni di Apple Watch. In questo modo l’azienda punterebbe a rafforzare le funzioni di tracking per i suoi indossabili, comprese anche quelle relative a salute e benessere.

A quanto pare, la società starebbe già utilizzando la nuova funzione di sleep tracking da diversi mesi, naturalmente con tester segreti, in località altrettanto segrete, sempre intorno a Cupertino, in California. Se il test avrà successo, quasi certamente le nuove funzionalità potrebbero approdare su Apple Watch 2020.

La presenza di nuove funzioni relative al monitoraggio del sonno su Apple Watch servirebbe alla società per ridurre l’attuale gap con altre aziende dello stesso panorama, come ad esempio Fitbit e Withings.Dovete riparare un Apple Watch di vecchia generazione? Apple potrebbe offrirvi un Apple Watch Series 2

Si tratterebbe anche di una manovra per potenziare le vendite di Apple Watch, e bilanciare così l’attuale stallo delle vendite iPhone. Attualmente, Apple non ha rivelato quanti orologi ha venduto, ma Strategy Analytics stima che l’azienda ne abbia distribuiti circa 4,5 milioni di unità nel terzo trimestre, pari al 45 per cento del mercato smartwatch.

Ovviamente, le nuove funzioni dovrebbero fare i conti con la durata della batteria, che già su Apple Watch non brilla particolarmente. L’elemento su cui Apple dovrà allora concentrarsi è proprio l’autonomia, dove gli orologi e bracciali Fitbit si difendono particolarmente bene, pur avendo tutti funzioni di tracking per il sonno.

Ovviamente, siamo pronti a scommettere che la Mela ottimizzerà al massimo la funzionalità, magari introducendo una funzione a basso consumo proprio durante l’orario notturno.

Se si fa un confronto con altri indossabili, Fitbit utilizza al momento un cardiofrequenzimetro e altri sensori per determinare quando un utente si addormenta e per monitorare anche la qualità del sonno. Peraltro, molti degli attuali bracciali in commercio, sono anche in grado di distinguere tra sonno profondo e fase REM. Naturalmente, Apple proporrà tutte queste, e chissà quali altre, funzioni.