fbpx
Home MacProf Foto Digitale Panasonic: "Gli stabilizzatori ottici sono migliori dei sensori stabilizzati"

Panasonic: “Gli stabilizzatori ottici sono migliori dei sensori stabilizzati”

La testata spagnola DSLR Magazine ha intervistato dirigenti Panasonic in occasione della fiera fotografica CP+ 2016, affrontando alcune interessanti questioni sul mercato della fotografia digitale e in particolare sul formato Micro Quattro Terzi (MFT). Le risposte di Panasonic sono state di sicuro interesse per chi segue il settore e per tutti gli appassionati del formato MFT.

La prima considerazione riguarda il metodo di stabilizzazione di fotocamere e obbiettivi. A differenza di Olympus, che punta ormai sulla sola stabilizzazione sul sensore, Panasonic afferma che la stabilizzazione ottica direttamente sugli obbiettivi è ancora superiore rispetto a quella sul sensore.

Quest’ultima può infatti correggere solo circa l’1% dello spostamento: questo è sufficiente per obiettivi grandangolari (come dimostrato da Olympus, la cui stabilizzazione a 5 assi sul sensore è incredibilmente efficace), ma non abbastanza per i teleobiettivi. Con teleobiettivi “estremi” – dice Panasonic – per una stabilizzazione efficace si avrebbe bisogno di un sensore in grado di spostarsi per circa il 20% della sua dimensione.

Per questo motivo Panasonic continuerà a sviluppare obbiettivi dotati di stabilizzatore ottico oltre la focale di 25mm, dedicando lo stabilizzatore sul sensore (presente sulle Lumix GX7 e GX8) allo scopo di stabilizzare ottiche prive di stabilizzatore integrato.

stabilizzatore panasonic
Il funzionamento della doppia stabilizzazione di Panasonic

Panasonic affronta inoltre la tematica dei megapixel, ammettendo di essere passata dai 16 ai 20 MP (implementati nell’ultima Lumix GX8) solo per ragioni di puro marketing e non per motivazioni tecnologiche. Secondo l’azienda 16 è il numero di megapixel ideale per il formato MFT ed un aumento dei megapixel sui sensori MFT potrebbe introdurre problematiche di diffrazione non facilmente risolvibili.

Infine Panasonic è consapevole della richiesta sul mercato di nuovi prodotti che offrano uno stile retro’ e vintage e maggiori controlli manuali ed è probabile che in futuro possa rilasciare nuovi modelli dotati di queste caratteristiche. L’intervista completa in spagnolo è disponibile a questo link.

Offerte Speciali

BeatX, auricolari wireless parenti di AirPods: solo 71€

BeatsX, gli auricolari parenti di AirPods su Amazon costano solo 79€

I BeatsX, auricolari Bluetooth prodotte da Apple che si ricaricano con il cavo Lightning e condividono lo stesso chip di AirPods, sono in sconto su Amazon: solo 79€
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,437FansMi piace
95,282FollowerSegui