Processore grafico superpotente nei nuovi iPhone 3GS?

Un sito americano individua tracce di un processore grafico ad alte prestazioni nel nuovo iPhone 3GS. Velocità  superiore a tutti quelli della concorrenza, Pre compreso.

Dentro all’€™iPhone c’€™è una componente per l’€™accelerazione grafica più potente di quanto non si ritenesse in precedenza. Ecco le conclusioni non del tutto definitive, ma comunque piuttosto solide, cui giunge Macrumors in un articolo fondato sulla segnalazione di un suo utente.

Secondo quanto il sito ha appreso, infatti, dentro al sistema operativo del nuovo modello di cellulare è presente una estensione che si chiama ‘€œ”IMGSGX535GLDriver”; il nome fa chiaramente riferimento ad un chip PowerVR denominato SGX535 rilasciato qualche settimana fa e caratterizzato da prestazioni molto elevate, decisamente superiori rispetto a quelle possibili al modello precedente (PowerVR MBX-Lite) ma anche molto più solido sia dell’€™SGX520, ipotizzato da diversi siti, che dell’€™SGX530 che secondo alcune fonti sarebbe stato prescelto da Apple per accelerare il 3D nel dispositivo mobile.

Se Macrumors avesse ragione, l’€™iPhone 3GS potrebbe avere da due a quattro volte le prestazioni grafiche dei più moderni smartphones in commercio. A termine di paragone basti sapere che l’SGX520 fornisce fino a 7 milioni di poligoni al secondo, il 535 arriva a ben 28 milioni al secondo. L’€™SGX535 è capace di decodificare accelerandolo il video H.264, MPEG 4 e il formato JPEG e gestisce video a 720p in real time. Il processore è destinato, almeno sulla carta, a dispositivi di fascia differente rispetto a quella in cui si colloca iPhone: computer portatili, Mid, Umps e prodotti per l’€™automotive.

L’€™accordo tra Apple ed Imagination che produce i PowerVR è di lunga data. Cupertino ha anche investito ingenti quantità  di denaro nella società  britannica, ma tradizionalmente non rivela chi sono i suoi fornitori. Nel caso specifico non è detto, come accennato, che la presenza di un driver rappresenti una certezza per quanto concerne anche la presenza in iPhone del processore corrispondente (Apple potrebbe per esempio essere interessata ad usarlo in un futuro iPhone o un iPod touch), ma certo è un indizio da tenere in considerazione.