Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica per videogiocare su Mac e Windows

Usare la Razer Huntsman è come sfrecciare con una moto costum: il rumore c'è ma è bellissimo

Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica (anche) per Mac

Complice l’impennata che ha avuto il gaming negli ultimi 10 anni, il settore delle tastiere meccaniche, del quale la Razer Huntsman fa parte, è diventato elitario.

Per un utente Mac classico un prodotto del genere è molto strano, quasi traumatico all’inizio, ma passato lo scotto iniziale la Razer Huntsman inizia a mostrare i muscoli e le caratteristiche fondamentali, anche se va capita sino in fondo.

Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica (anche) per Mac
Razer Huntsman nelle due colorazioni, nera e rosa

Razer Huntsman, la recensione

Una grande tastiera, ma anche una tastiera grande

La scatola è ben curata, come è traduzione Razer, con alcuni tasti esposti anche a scatola chiusa per permettere a chi la vede negli scaffali di provarli.

Inutile dire che fuori dalla scatola la Razer Huntsman è grande, molto grande, quasi imponente per chi è abituato a tastiere sottili: non ci sono ammennicoli oltre alla stessa, che integra un cavo USB-A intrecciato classico (con connettore interno di colore verde) e avvolgicavo in gomma nera.

Nella parte inferiore trovano posto due piedini retrattili, che permettono il posizionamento in tre differenti inclinazioni (piatta, leggermente alzata e alzata) mentre manca un HUB USB-A, che avremmo apprezzato molto, almeno per usare una porta USB passante.

L’arma perfetta per una strage

La parte superiore è dedicata ai tasti, sulla cui tecnologia torniamo più avanti. Questi non sono molto grandi, nonostante lo spazio non manchi, mentre è ampio lo spazio tra un tasto e l’altro, fattori che aiutano la precisione durante la digitazione frenetica: ricordiamo che la Razer Huntsman nasce come tastiera da gamer, quindi adatta all’utilizzo in ambienti dove è richiesta una alta velocità di digitazione su un numero limitato di tasti, spesso con frenesia e impeto.

Sotto questo aspetto la tastiera appare impeccabile: molto robusta, con una corsa del tasto adatta al clic ma non troppo lunga da ritardare la ripetizione e con una disposizione razionale.

Il grado di robustezza ci porta anche a pensare che la tastiera sia perfettamente in grado di assorbire un pugno dato dalla frustrazione di una sconfitta, eventualità che prima o poi capita a tutti.

Di notte è meglio

Una volta connessa la tastiera mostra tutta la sua bellezza retroilliminando i tasti con la tecnologia Chroma di cui abbiamo già parlato numerose volte nelle recensioni dei prodotti Razer.

Se assieme alla tastiera è collegato anche un mouse (come il Basilisk, il DeathAdder, il Mamba Elite o l’ultimo Lancehead) e non ci sono i driver, l’illuminazione di default, che passa lentamente da un colore all’altro, è sincronizzata tra entrambi fornendo un bel colpo d’occhio.

Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica (anche) per MacQuesta è la situazione per Mac, dato che i driver Synapse in versione 2 non vedono la tastiera mentre la versione 3 è disponibile solo per Windows.
Provata su di un Surface Book 2 invece la tastiera ha mostrato tutto il suo potenziale: non solo l’illuminazione è parametrizzabile secondo dei set preconfezionati, ma è anche gestibile a piacere dall’utente tramite un SDK.

Ovviamente le possibilità dei driver non si limitano alla illuminazione, ma offrono anche la personalizzazione dei tasti singoli, la creazione di macro e anche la configurazione al volo tramite tasti specifici. In pratica, una tastiera da professionisti del gaming.

Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica (anche) per MacTecnologia Opto-Meccanica

Chi non segue da vicino il mercato delle tastiere meccaniche non immagina le sfaccettature e le diversità che offrono i tipi di tasti disponibili.

Razer Huntsman utilizza tasti Opto-Meccanici, una tipologia mista che offre da una parte l’elemento meccanico a molla per il tasto, costruito però con un numero esiguo di parti, dall’altra una tecnologia ottica che gestisce il clic.

I vantaggi sono una maggiore durata (il doppio rispetto ad una tastiera meccanica classica), un suono migliore e più tagliente e una risposta a scatto, che necessita anche di una forza minore di pressione, con più precisione.

Proporre una tecnologia proprietaria per i tasti nel mondo delle tastiere è un pregio per Razer, quando altri preferiscono optare per tecnologie standard da parte di terzi.

Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica (anche) per Mac
Un dettaglio dei tasti Opto-Meccanici

Considerazioni

Le considerazioni sulla Razer Huntsman sono positive e anche l’utilizzo è piacevole, a patto però di capire di che prodotto stiamo parlando. Come tutte le tastiere meccaniche (o miste, come la Ornata chroma) chi scrive molto si troverà a muovere le dita in modo molto diverso, e la scelta è sicuramente importante.

Chi invece la usa in ufficio per compiti standard può amarla sin da subito, grazie alle sue peculiarità e alla sua alta personalizzazione su Windows. Su Mac purtroppo la personalizzazione non c’è, ma la si usa tranquillamente senza perdere nulla in termini di funzioni.

Razer Huntsman, in prova la tastiera Opto-Meccanica (anche) per MacRestano infine i gamer, per i quali la tastiera è pensata e che troveranno pane per i loro denti, da chi inizia sino a chi è parecchio navigato.

Molte funzioni infatti sono uniche per questo settore ed è anche l’ambiente ideale dove la tastiera si trova più a suo agio ed è in grado di offrirsi al meglio, anche se lo ricordiamo che ogni giocatore è anche uno studente, un professionista o un utente normale, negli altri momenti della giornata.

Pro:

• I tasti Opto-meccanici sono precisi e funzionali
• La retroilluminazione è molto bella
• Robusta e funzionale

Contro:

• Manca un connettore USB passante
• Mancano I driver per Mac
• Il prezzo è un po’ alto

Prezzo:

• 159,99 Euro

Razer Huntsman è disponibile nella versione normale oppure Elite con quadrante digitale multifunzione e cuscinetto appoggiapolsi.
Gli utenti possono acquistare entrambi i modelli partendo dal sito ufficiale Razer oppure anche dalle pagine di Amazon.it