fbpx
Home Macity Hi-Tech Riconoscimento facciale, per l'FBI è una risorsa per la sicurezza

Riconoscimento facciale, per l’FBI è una risorsa per la sicurezza

Un sistema di controllo e monitoraggio basato sul riconoscimento facciale: per gli agenti federali degli Stati Uniti è una risorsa impagabile per la sicurezza, a tal punto che hanno già incominciato a utilizzarlo, anche se non ufficialmente. Secondo quanto scoperto dai ricercatori di Georgetown Law e dal Washington Post, gli agenti dell’FBI e dell’ICE hanno utilizzato la tecnologia del riconoscimento facciale, valutando e prendendo in considerazione centinaia di milioni di fotografie, con l’obiettivo di creare un database per la sorveglianza non ufficiale ma efficace. 

Gli agenti utilizzano abitualmente le informazioni per aiutare a rintracciare i sospetti nei crimini “di basso livello”, come i piccoli furti, e lo utilizzano spesso: solo l’FBI condurrebbe oltre 4mila ricerche di riconoscimento facciale al mese. 

Gli Stati che acconsentono a questa pratica sono 21 e tra questi ci sono Pennsylvania e Texas. Spesso hanno regole per le richieste (come, ad esempio, l’obbligo di collegarle a indagini aperte). Nello stato di Washington, per ricerche di questo tipo, è necessario l’ordine del tribunale. 

Riconoscimento facciale, per l’FBI è una risorsa per la sicurezza

L’utilizzo della tecnologia del riconoscimento facciale e le ricerche eseguite con questa modalità rappresentano un problema che riguarda la tutela della privacy. Una privacy che sarà tutelata soltanto se gli agenti rispetteranno le regole degli Stati e se utilizzeranno le risposte ottenute in modo responsabile. I primi a rischiare una violazione della propria privacy sono gli immigrati. L’ICE – l’agenzia federale statunitense, parte del Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti, responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell’immigrazione – non discuterà di come ha utilizzato e utilizzerà il riconoscimento facciale. Kimberly del Greco, vice direttore dell’FBI,  ha invece difeso l’uso della tecnologia, sostenendo che “ha contribuito a preservare sia le libertà che la sicurezza”. 

Rimane l’insicurezza di un quadro legale che non garantisce un uso opportuno del riconoscimento facciale e non previene abusi futuri.  

Nelle sezioni dedicate di Macitynet possono trovare tutti gli aggiornamenti sul rapporto tra agenti federali e tecnologia e le notizie in materia di privacy.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 744 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,799FansMi piace
92,946FollowerSegui