fbpx
Home iPadia iPad Accessori Recensione Bowers & Wilkins P5 Serie 2, design retrò e moderno per...

Recensione Bowers & Wilkins P5 Serie 2, design retrò e moderno per una grande pulizia sonora

Quando si parla di cuffie Bowers & Wilkins il parametro di riferimento è, senza ombra di dubbio, la varante P7, che presenta lo standard più alto. Macitynet ha messo alla prova la nuova Bowers & Wilkins P5 Serie 2, che monta un nuovo driver simile in tutto e per tutto al modello top di gamma, per, dice il produttore, massima pulizia sonora, senza tralasciare la consueta attenzione per il design, vagamente retrò. Costano 286 euro su Amazon.it, spese di spedizione inclusa.

Design
Il design di Bowers & Wilkins P5 Serie 2 è molto simile a quello del diretto predecessore, salvo che per i colori. La prima differenza che salta all’occhio rispetto alla prima serie, ad esempio, è la colorazione della finitura posteriore dei padiglioni auricolari, completamente neri, piuttosto che argentati. Bowers & Wilkins P5 Serie 2 mantiene inalterato un sapiente mix stilistico che unisce il menzionato retrò a riferimenti alle linee più moderne che derivano dai materiali e dalla cura dell’assemblaggio. Le P5 Serie 2 sono realizzate con materiali pregiati: alluminio e morbida pelle di capretto per i padiglioni auricolari. Sulla comodità delle cuffie, anche per lunghe sessioni, si dirà in seguito, mentre è opportuno subito notare la possibilità di smontare i padiglioni auricolari, i cui cuscinetti sono tenuti in posizione da piccoli magneti. E’ possibile facilmente smontarli, per poter accedere al jack interno, estraibile ma dal formato non standard 2,5mm. In ogni caso, il cavo può essere sostituito e tale possibilità dovrà sicuramente essere sfruttata da quanti desiderano usare le cuffie con un terminale Android o Windows Phone. Il cavo integrato, infatti, è ottimizzato solo per l’utilizzo con i dispositivi Apple, potendo controllare la riproduzione musicale o rispondere alle chiamate. Su Android il funzionamento è piuttosto limitato e mentre è possibile rispondere alle chiamate o avviare e fermare la riproduzione musicale, non è possibile intervenire sul volume. Insomma, le P5 Serie 2 presentano un cavo approvato da Apple e, pertanto, utilizzabile a pieno solo con i dispositivi iOS.

In mano, le Bowers & Wilkins P5 Serie 2 si percepiscono come cuffie molto raffinate, certamente lontane da quelle low budget. L’attenzione al design e all’estetica la si nota sin da subito dal pack di vendita e dal suo contenuto. Le cuffie sono alloggiate infatti all’interno di un cartoncino rifinito, che nasconde però una pochette in panno, dove poter alloggiare le cuffie e dove inizialmente si trovano i manuali rapidi e un codice di registrazione che darà diritto al download di oltre 30 differenti canzoni.

A differenza della serie P3, che sono cuffie studiate per il mobile, non è possibile richiudere i padiglioni auricolari per trasportare l’accessorio con il minimo ingombro di spazio, ma è possibile ovviamente allungare ed accorciare l’arco superiore in pelle, per adattarlo al meglio alla testa di ciascun utente.

Nonostante la tipologia dei padiglioni auricolari on-ear, le Bowers & Wilkins P5 Serie 2 risultano davvero comode. Il materiale morbido e soffice consente di tenerle in testa per lunghe sessioni, anche se la pelle potrebbe creare qualche fastidio nei mesi estivi più caldi. In ogni caso, si tratta davvero di cuffie confortevoli, la cui costruzione risulta molto salda e robusta.

Come suonano

Sebbene il modello P5 non presenti padiglioni auricolari incavati, tipici di cuffie around the era,  l’effetto isolamento è piuttosto elevato. E’ sufficiente, infatti, alloggiare la cuffia, anche da spenta, per ottenere subito un campo di discreto silenzio. A cuffie spente, naturalmente, si riescono ancora a percepire i rumori circostanti, che vengono totalmente eliminati quando si avvia una canzone.

Il suono è molto ben bilanciato, leggermente orientato verso la gamma medio-bassa, come il modello P3. A livello della qualità del suono, anche un orecchio non troppo attento ed allenato, si accorgerà di una grande pulizia sonora, dovuta al fatto che il suono non viene troppo enfatizzato e rimane neutrale e naturale in tutte le occasioni. Con particolare attenzione ai bassi, il nuovo modello P5 Serie 2 rivela davvero molte sfumature, ma senza alcuna forzatura, così che risultano sono sempre riprodotti con chiarezza e profondità. Anche canzoni come Silent Shout di The Knife, basate soprattutto su bassi profondi, vengono riprodotte fedelmente, senza distorsioni di sorta, anche al massimo volume.

Ottima la resa sonora in canzoni come Jitteboogie di Michael Edges; le cuffie esaltano pienamente il passaggio tra bassi e medio bassi. Va ancora meglio in canzoni come, River and Sticks di Oakhurst, dove la separazione dei due canali, destro e sinistro, la collocazione nello spazio di tutti gli strumenti, viene riprodotta fedelmente. Migliorata, rispetto al modello P3, la definizione della voce, che risalta in canzoni come Rocket Man, dove la voce di Elton John recita un ruolo dominante. Stesso risultato lo abbiamo ottenuto anche con Over The Raibow di Israel Kamakawiwo’ole.

Inoltre, i trasduttori della P5 Serie 2 sono progettati per funzionare in maniera simile a quella degli altoparlanti dei diffusori Hi-Fi tradizionali. Ne beneficiano la qualità e la definizione del suono, anche se le cuffie richiedono un po più di “potenza” rispetto ad altri esemplari simili, così che l’utente si ritroverà a mantenere il volume sempre al massimo, soprattutto quando lo si utilizza con dispositivi mobili, quali iPhone e iPod Touch. Insomma, anche se recano la dicitura “made for iPhone” in bella vista, le B&W P5 Serie 2 non risultano essere del tutto ottimali per questo tipo di sorgenti e forse per qualcuno sarà necessario un amplificatore per cuffie. Anche in chiamata, per quanto pulito, l’audio è un tantino basso, il suono molto freddo, e il microfono non riesce a trasmettere in modo particolarmente chiaro e forte la nostra voce all’interlocutore.

Conclusioni

Il modello di cuffie Bowers & Wilkins P5 Serie 2 rappresenta un ottimo investimento per gli audiofili, che desiderano un cuffia elegante e raffinata, in grado di coniugare perfettamente stile moderno e passato. Molto comode e ottimo l’effetto isolamento.  Il suono è molto pulito, ben definito e sostanzialmente neutro, come in molti degli accessori B&W, ma il volume è un tantino quando si utilizzano con sorgenti mobili. Il prezzo di listino è quello di cuffie premium. Bowers & Wilkins consiglia 299 euro circa anche se si possono trovare a qualche euro meno. Ad esempio su Amazon.it  costano 286 euro, spese di spedizione incluse.

Offerte Speciali

Il nuovo MacBook Air già in sconto di 120 euro su Amazon

Offerta MacBook Air: Amazon lo sconta di 100 euro

Su Amazon comprare il nuovo MacBook Air in sconto. Modello da 256 Gb a solo 1127,99 euro, circa 100 euro meno del prezzo ufficiale Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,359FansMi piace
94,738FollowerSegui