fbpx
Home MacProf Emulazioni, virtualizzazione, Mac e Windows Recensione Parallels Desktop 10, il software di virtualizzazione maturo e completo

Recensione Parallels Desktop 10, il software di virtualizzazione maturo e completo

Gli sviluppatori di Parallels producono ormai da molti anni uno dei più noti e avanzati software di virtualizzazione per Mac. Dal 2005 (anno della prima release), a colpi di quasi una versione l’anno, Parallels Desktop è diventato sempre più completo e veloce, rendendo il prodotto uno dei punti di riferimento del settore. Lo sviluppatore vanta il 90% delle quote nel mercato della virtualizzazione su Mac, con oltre quattro milioni di pacchetti venduti; la software house produttrice è un’azienda in crescita, con oltre 900 dipendenti dislocati in uffici in Nord America, Europa, Australia e Asia.

Il software Parallels Desktop è ormai molto maturo e stabile e dopo aver puntato sulla velocità, raggiungendo forse il limite per quanto riguarda l’ottimizzazione per questo tipo di applicazioni, con le nuove release si punta alla sempre maggiore integrazione tra OS X, dispositivi iOS e macchine virtuali; gli sviluppatori hanno ottimi rapporti con Apple e sono sempre attenti a supportare molte delle tecnologie intrinseche delle nuove versioni di OS X. La prova, come vedremo poi in dettaglio, è ad esempio nell’ultima versione del pacchetto, con ottimizzazioni specifiche per il futuro OS X 10.10 Yosemite in arrivo questo autunno.

Installazione
L’installazione è come sempre molto semplice: basta fare doppio click sull’icona “Installa”, attendere che l’applicazione verifichi la presenza di aggiornamenti (in caso, viene proposto il download della release più recente), indicare mail e password e la chiave di attivazione. Se è la prima volta che il software viene installato, una schermata chiede cosa si vuole fare: installare Windows o altro sistema operativo da un DVD o file-immagine, migrare un PC con Windows esistente, scaricare sistemi operativi gratuiti (Chrome OS, Ubuntu, Android, ecc.). Come sempre oltre a Windows e altri sistemi operativi noti non prodotti da Apple è possibile installare OS X in una macchina virtuale, anche partendo dalla partizione di ripristino del disco rigido. La possibilità di virtualizzare OS X è comoda ad esempio per gli sviluppatori giacché consente di provare applicazioni con versioni differenti del sistema operativo Apple ma è utile anche per gli utenti che hanno la necessità di sfruttare programmi che non funzionano su versioni più recenti del sistema (es. applicazioni per Lion, Mountain Lion o Mavericks che non dovessero funzionare su Yosemite).

 

Offerte Speciali

Amazon sconta il Magic Mouse 2 del 25%: solo 65 euro

Magic Mouse 2 su Amazon al prezzo migliore di sempre: solo 58,99 euro

Su Amazon il Magic Mouse 2 è ancora in sconto. Ora lo pagate addirittura meno di 65 euro.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,666FansMi piace
94,044FollowerSegui