fbpx
Home CasaVerdeSmart Recensione Robot aspirapolvere Roomba i7+ un anno dopo: un Genius al vostro...

Recensione Robot aspirapolvere Roomba i7+ un anno dopo: un Genius al vostro servizio

Colin Angle, il deus ex-machina di iRobot lo aveva preannunciato lo scorso Agosto: abbiamo cambiato il software dei nostri strumenti per la pulizia perché ormai l’utente è talmente entrato in confidenza con lo strumento che non vuole semplicemente che pulisca casa ma che lo faccia esattamente secondo i propri bisogni, più o meno programmabili ma anche instantanei e, grazie all’intelligenza artificiale siamo in grado di offrire consigli e ottimizzare il lavoro di pulizia anche in base alle stagioni.

E così ci siamo fatti inviare per qualche settimana di nuovo una vecchia conoscenza: il robot i7+ già recensito su queste pagine per un nuovo tour tra le mura di casa che ci permettesse di sperimentare l’interfaccia più aggiornata del dispositivo. Ecco il risultato dell’esperienza.

Recensione Robot aspirapolvere Roomba i7+ un anno dopo: un iRobot al vostro servizio

La confezione

Lasciamo la parola alla galleria di immagini qui sotto: nel grande box in cartone (pochissima la plastica all’interno – e per questo iRobot è da encomiare) trovano posto il robot aspirapolvere e il serbatoio-dock che collegherete alla presa di corrente e che vi assicura un’autonomia di circa 30 svuotamenti completi di quanto raccolto dall’asprirapolvere e infine una Barriera Dual Mode Virtual Wall, un filtro extra, una spazzola laterale extra e due sacchetti extra per lo svuotamento del dock.

Operatività

Per quanto riguardo alla pura l’operatività di motori, trascinamento, pulizia, non abbiamo molto da aggiungere alla recensione precedente se non rimandarvi al capitolo sul nuovo software: quello che dobbiamo dire è che il robot ha una trazione eccezionale sia per la potenza sia per la configurazione dei rulli posti nella parte inferiore: con una piccola rampa posizionata nel posto giusto è possibile anche procedere alla pulizia di appartamenti che hanno uno scalino di dislivello tra un ambiente e l’altro o, ad esempio, un giunto in rilievo tra un interno ed una veranda: la precisione del rilevamento del nuovo software, dopo almeno 3 “ricognizioni” può aiutare a trovare il punto di passaggio tra un ambiente e l’altro ed evitare di spostare manualmente il robot.

Nel nostro test siamo intervenuti in una abitazione che ospita sia un gatto che un cane (a pelo lungo) e l’estrazione dei peli dal tappeto del salotto è stata efficacissima: abbiamo comunque dovuto inserire un antiscivolo al di sotto del tappeto perché il robot arrivando molto velocemente tendeva a spostarlo dalla sua posizione originale.

Il Robot ha uno spessore elevato di 9,22 cm (siamo comunque nelle dimensioni standard della categoria) che non gli permette di pulire sotto alcuni divani molto ribassati e questo va valutato in ogni caso in fase di acquisto se avete un arredo di questo tipo.

La potenza di asprirazione, che è 10 volte superiore a quella della serie 600, permette di lavorare anche su pavimenti a doghe in legno o di raccogliere anche lo sporco più difficile da recuperare.

Come detto la grande differenza la fa il software: nel nostro caso avevamo già fatto una scansione della casa con altri due prodotti Roomba (un robot top di gamma e Braava Jet che possono lavorare in perfetta combinazione per aspirazione e lavaggio dei pavimenti anche su zone specifiche alternandosi alla bisogna con i tempi che decidete voi).

L’applicazione

Posto che la configurazione di partenza è facilissima e comporta l’inserimento semplicissimo della password del vostro router wi-fi, il robot viene riconosciuto in pochissimi secondi e si autoconfigura e chiede subito di conoscere la vostra casa in una fase di “esplorazione” che viene fatta senza aspirazione per risparmiare batteria e farlo viaggiare più a lungo. Tenete comunque conto che con 3 ore di ricarica l’i7+ può funzionare per 75 minuti con aspirazione attiva, tempi confermati dalle nostre prove in loco.

La precisione del rilevamento è ottima sopratutto dopo 2 o 3 perlustrazioni dell’ambiente ma già dalla prima avete un perimetro discretamente definito che vi permette di “battezzare” facilmente le stanze. Con il software più recente potete definire anche specifiche aree: un tappeto, il tavolo di cucina, l’ingresso con cui richiamare una pulizia instantanea alla bisogna o programmare pulizie ripetute per avere una maggiore efficacia; questo vi farà risparmiare tempo, denaro portando ad una maggiore efficienza.

Se la fase di impostazione rimane più o meno la stessa è l’utilizzazione continua che premia l’utente: man mano che il robot impara a conoscere la casa, esplorandola anche in diverse condizioni di luce e rispondendo ai vostri comandi istantanei comprende quali sono le aree che necessitano di più frequente pulizia e propone un comportamento conseguente che vi aiuterà, anche al mutare delle stagioni, ad ottenere la massima efficienza. Insomma un Genius che vi segue mese dopo mese e trasforma l’aspirapolvere in un oggetto in continua evoluzione.

Sia i robot aspirapolvere Roomba i7/i7+ e s9/s9+ sia il lavapavimenti Braava jet m6, possono anche fornire i consigli specifici per ogni singolo ambiente: come pulire i pavimenti il venerdì sera o in sala da pranzo e in cucina dopo ogni pasto.

Comandiamo il robot a voce

Il poter “battezzare” stanze e pure aree specifiche della casa ci permette anche di migliorare il dialogo con il robot e, grazie ad Alexa e Assistente Google possiamo comunicare all’i7+ le operazioni singole da compiere senza dover accedere allo schermo dello smartphone: questo si rivela assolutamente premiante per chi vuole installare un Roomba nella casa di una persona anziana che ha poca dimestichezza con piccoli schermi ma può utilizzare la voce per impartire comandi rapidi e si dimostra comodo anche per chi, pur non avendo problemi di accessibilità, vuole comunicare più velocemente con l’aspirapolvere. Nella nostra galleria le semplici schermate di configurazione di Alexa. Con la nuova versione del software potremo dire “Alexa pulisci intorno al tavolo della cucina” sicuri che il robot individuerà con precisione l’area da pulire.

Programmi, suggerimenti e azioni rapide

Per chi preferisce l’accesso dallo smartphone la nuova applicazione è molto più semplice da utilizzare mostrando le azioni rapide e, grazie ad un pizzico di AI, suggerendo le azioni da compiere seguendo quelle più frequenti registrate nello storico del robot. Infine le automazioni possono essere legate anche a dispositivi domotici terzi come un sistema di apertura porta August Lock che rileva se siamo in casa o meno e avvia le pulizie quando il robot ha campo libero. iRobot assicura che i dati relativi alla nostra privacy sono assolutamente al sicuro.

Conclusioni

Dell’estrema efficienza di i7+ non potevamo dubitare, della comodità di abbinamento con il dock neppure: quello che fa la differenza nell’uso quotidiano è l’estrema comodità e precisione della nuova interfaccia che ottimizza l’uso del robot non tanto in nostra assenza (in molti casi basta semplicemente programmare una pulizia totale) quanto in nostra presenza con la pulizia di singole stanze o di piccole aree che possono essersi sporcate momentaneamente o che riteniamo debbano essere soggette a pulizie ripetute: questo tipo di “comportamento” riduce gli sprechi e il rumore prodotto dall’efficiente aggeggio mentre siamo all’interno dell’abitazione e ci permette, anche in periodi di forzato lockdown di far agire il robot nelle stanze in cui non risediamo per lavoro o per divertimento.

Insomma il robot per le pulizie diventa più versatile e “obbediente” e si adatta meglio alle nostre esigenze non programmabili nel tempo.

Pro 

Efficienza della pulizia, comodità del serbatoio-dock, interfaccia diretta molto comoda ed efficiente, basso spreco di movimenti sia per la puliizia diretta di alcune zone che dell’intera stanza, ottima trazione che permette di superare ostacoli

Contro

Spessore elevato, rumorosità nella fase di “scarico” dello sporco nel dock-serbatoio, prezzo elevato (le offerte periodiche possono abbatterlo tantissimo)

Prezzo al pubblico

i7+ con dock costa normalmente 999 € Iva inclusa. Per il black Friday 2020 sono previsti grossi sconti: nella giornata del 16 Novembre è in vendita su Amazon a 699 € .

Per ulteriori informazioni su iRobot, visitare il sito www.irobot.it.
I prodotti iRobot sono distribuiti in Italia da Nital.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,964FansMi piace
93,794FollowerSegui