Sì: il silicone sotto la tastiera dei MacBook Pro 2018 serve a evitare guasti

Anche se Apple lo nega, la tastiera protetta con silicone del MacBook Pro 2018, serve a proteggerla da guasti ed evitare il flop che ha costretto la Mela al programma di riparazione straordinario.

Silicone tasti

Anche se Apple non lo dice espressamente, l’uso del silicone sotto la tastiera del MacBook Pro 2018 migliora la resistenza dei tasti alla polvere e alle particelle che potrebbero infiltrarsi sotto di essi e causare i guasti per i quali è anche scattato un programma di riparazione speciale. È questa la conclusione cui giunge iFixIt che, dopo aver individuato nel primo smontaggio la membrana, giunge alla conclusione che non serve solo a rendere leggermente più silenziosi i tasti ma anche a proteggere il meccanismo da potenziali malfunzionamenti.

Vernici in polvere per testare la tastiera del MacBook pro 2018

Per i test, il sito ha usato delle vernici in polvere per capire dove e come il pulviscolo si accumula. Sulla tastiera dei MacBook Pro 2018 la polvere si deposita intorno agli angoli della membrana proteggendo il meccanismo a farfalla. La stessa prova sulla tastiera dei MacBook Pro 2017 evidenzia una protezione inferiore. “Udite, udite” scrive iFixit, “la polvere, rimane isolata sui bordi della membrana, proteggendo il meccanismo interno a farfalla. I buchi nella membrana servono come passaggio per i fermagli dei cappucci dei tasti ma sono coperti da cappuccio stesso, bloccando l’ingresso della polvere. La precedente generazione del meccanismo a farfalla è molto meno protetta e viene quasi immediatamente invasa dal granulato fluorescente”.

Con una combinazione di un bel po’ di polvere e digitazione “aggressiva” sui tasti, la polvere riesce comunque a penetrare la membrana presente sotto gli agganci dei tasti del  MacBook pro 2018, lasciando immaginare che – potenzialmente-  non sono del tutto da escludere potenziali problemi in ambienti molto saturi di polvere. iFixit, infatti, è riuscita a creare problemi alla tastiera di nuova generazione collocando particelle di granulato in specifici punti sul fondo della tastiera.

La membrana siliconica non risulta dunque impenetrabile e non è al momento dato sapere come si comporterà con il passare del tempo ma è ad ogni modo certamente un’utile protezione aggiuntiva contro problemi causati da polvere, capelli e altri elementi estranei.

Tastiera MacBook pro

iFixit ha completamente smontato la tastiera strato dopo strato, con ovvie difficoltà per via delle colle utilizzate e che spiega perché i Centri di Assistenza cambiano tutto il top case in caso di problemi alla tastiera. Da notare che la barriera in silicone è ottenuta da fogli modellati partendo da una fustella forgiata in modo da eseguire un taglio unico.

Barra spaziatrice rimovibile

Anche i “coperchi” dei tasti del Macbook pro 2018 sono stati lievemente rivisti: hanno uno spessore di 1.25mm rispetto agli 1.5mm dei MacBook Pro del 2017, una scelta che, secondo iFixit, dovrebbe consentire ai tasti di abbassarsi e tornare al loro posto con un movimento più fluido e omogeneo. La barra spaziatrice è stata altresì rivista, con l’elemento superiore che ora, al pari degli altri tasti, può essere distaccato, semplificando la procedura di sostituzione di eventuali singoli tasti rotti.