Nel 50° della tragedia su iTunes l’ebook Vajont: quelli del dopo

Nel giorno del 50° anniversario della tragedia, arriva su iTunes Libri “Vajont: quelli del dopo”,  dello scrittore alpinista Mauro Corona.

vajont

Nel giorno del 50° anniversario della tragedia, arriva su iTunes Libri Vajont: quelli del dopo, opera dello scrittore alpinista Mauro Corona (uscito nelle librerie tradizionali nel 2006), dedicato al disastro della diga del Vajont che il 9 ottobre del 1963 cancellò la cittadina veneta di Longarone, colpendo duramente anche i paesi friulani di Erto e Casso.

Proprio qui, ad Erto, nell’osteria del “Gallo Cedrone” Corona ambienta Vajont: quelli del dopo: un discorso tra quattro avventori abituali che tra un bicchiere di vino e l’altro rivangano i fatti, analizzano le responsabilità e in modo diretto e ruvido individuano le colpe di chi ha anteposto la cieca fiducia nella tecnica e soprattutto il profitto, alle vite umane. Un ricordo freddo, condotto a più voci, del più grave disastro civile italiano. La sera di quel nove ottobre la diga più alta d’Europa, vero e proprio esempio del miracolo dell’ingegneria dell’Italia del boom economico, non franò. A franare furono le pareti del monte Toc che si affacciavano sull’invaso artificiale della valle del Vajont: una frana che alzò un’onda enorme, uno tsunami di montagna che colpì i paesi di Erto e Casso e si riversò sul paese, che si trovava a valle, di Longarone.

Ma dai dialoghi a trasparire non sono solo le vicende, controverse, che sono ormai storia. Ad emergere è anche un dolore sordo, inestinguibile e mai vinto, che ha cambiato l’anima di tutte le persone della valle, impegnate a nascondere lacrime che non hanno ancora smesso di sgorgare.

E’ proprio la dimensione umana del disastro ad emergere dalla prosa di Corona: scultore, alpinista e autore di best seller, è originario di Erto ed era un bambino che frequentava le scuole a Longarone quando il paese fu travolto dall’acqua.

Vajont: quelli del dopo è disponibile in versione ebook per iPad a 6,99 euro.

Vajont: quelli del dopo