Sundar Pichai il capo di Android: “non sempre un prodotto deve costare centinaia di dollari”

Sundar Pichai risponde a distanza a Tim Cook riguardo le accuse a Google per la violazione della privacy degli utenti "i nostri utenti preferiscono così, piuttosto che pagare per prodotti costosi come quelli di Apple".

Apple quando dice che un prodotto deve sempre avere un costo per essere utile, è irresponsabile. Non usa proprio questi termini Sundar Pichai, capo attuale in Google delle divisioni dedicate ad Android e Chrome OS, in una lunga intervista a Forbes, ma certo lascia capire la sua posizione, allo stesso modo con cui nei giorni scorsi, ha fatto un chiaro riferimento a Google, pur non citando mai la rivale, Tim Cook ha parlato di aziende che ritengono i clienti il loro prodotto.

L’occasione di puntare contro la politica dei prezzi di Apple, per Pichai arriva nel contesto di un discorso molto strutturato  in cui affronta diverse tematiche, incluso anche il rapporto fra Apple e Google sia in termini di collaborazione che si competizione. Il passaggio più interessante riguarda la risposta di Pichai riguardo alle precedenti accuse di Tim Cook, in riferimento al fatto che gli utenti di Google sono in realtà “merce pubblicitaria”, quasi a loro insaputa. Secondo Pichai le cose non stanno in questo modo: gli utenti sono consapevoli e contenti di ottenere servizi gratis piuttosto che spendere diverse centinaia di dollari come succede per i prodotti Apple. “Gli utenti utilizzano i nostri servizi per scelta. Si tratta di prodotti molto amati. Abbiamo molti, molti prodotti che hanno più di 1 miliardo di utenti che forniscono un valore reale. E forniamo molti di questi servizi gratuitamente. E’ un po’ irresponsabile sostenere che tutto dovrebbe costare invece molte centinaia di dollari [sottinteso: come la maggior parte dei prodotti Apple]. Abbiamo trovato un modo per fornire servizi importanti per gli utenti in modo responsabile. Penso che questo conti. Alla maggior parte degli utenti, se gli si facesse questa domanda, direbbero che le cose stanno bene così”.

In precedenza Pichai aveva chiarito alcuni aspetti della collaborazione/competizione fra Apple e Google, sottolineando maggiormente le partnership che ancora legano le due aziende, in particolare riguardo alla collaborazione continuativa su YouTube e in merito alle funzionalità di ricerca, dove Pichai sottolinea la collaborazione a lungo termine fra Apple e Google, collaborazione che però potrebbe potrebbe anche avviarsi verso una conclusione. Chi fosse interessato può leggere l’intera intervista a Sundar Pichai seguendo questo link diretto.

 

sundar pichai