Rivoluzione MacBook Pro: sottilissimi con barra OLED touch, Touch ID entro fine anno

Secondo l'analista Ming-Chi Kuo, Apple rinnoverà entro la fine dell’anno i MacBook Pro 13” e 15” con importanti novità che prevedono, tra le altre cose, Touch ID, touch bar con display OLED, porte USB-C e Thunderbolt 3.

MacBook Pro
[banner]…[/banner]

Entro l’ultimo trimestre dell’anno, Apple rinnoverà in maniera drammatica la linea MacBook Pro con nuovi modelli da 13″ e 15″ che integreranno, tra le altre cose, Touch ID, touch bar con display OLED, porte USB-C e Thunderbolt 3. È quanto prevede l’analista Ming-Chi Kuo in una nota inviata agli investitori di cui parlano diversi siti americani che avrebbero ottenuto un documento che descrivere le nuove macchine, in arrivo nel corso dell’ultimo trimestre di quest’anno.

A detta di Kuo, che in passato si è rivelato piuttosto ben informato su tutto ciò che riguarda la Mela, Apple prevede l’introduzione di un lettore di impronte digitali Touch ID nello chassis dei nuovi MacBook Pro, prima implementazione di questa funzionalità all’infuori di dispositivi non iOS. L’analista parla anche di “touch bar con display OLED” che dovrebbe sostituire i tasti funzione fisici che si trovano fisicamente in alto nella tastiera QWERTY.

Apple ha registrato in passato vari brevetti relativi a nuovi controlli da integrare nello chassis dei MacBook, inclusi alcuni che prevedono l’uso di gesture e altre funzioni legate ai tasti, un trackpad illuminato in grado di cambiare colore e luminosità e un brevetto che prevede tasti in grado di adattarsi a varie situazioni mostrando comandi personalizzabili grazie a piccoli display Oled integrati, sulla falsariga della tastiera Optimus Maximus di Lebedev Studio.

Per quanto riguarda lo spessore, Kuo spiega che Apple sta lavorando a chassis ancora più sottili, integrando anche sui futuri MacBook il particolare meccanismo a farfalla della tastiera visto sui MacBook 12″ ma anche innovazioni per quanto riguarda le batterie con tecnologie che permettono di adottare celle dal design “a scalini”, sagomate su misura per seguire il profilo del guscio. Questo permetterebbe proprio di fare macchine più sottili.

Come già visto sui MacBook 12″, i nuovi modelli Pro dovrebbero integrare connettività USB-C, oltre a porte Thunderbolt 3. Non è chiaro se il connettore proprietario MagSafe sarà eliminato giacché potrebbe essere possibile il caricamento con alimentatore USB-C. A detta di Kuo l’aggiornamento dei MacBook sarà il più significativo degli ultimi quattro anni, ma bisogna dire che se è vero quel che si legge, forse siamo di fronte ad un giudizio limitativo.

Apple MacBook Pro