VR 2.0 e Daytona Rovera: la pedana fitness con la realtà virtuale concepita in Italia

E’ opera di uno sviluppatore italiano la prima pedana, distribuita in Italia da Rovera, che permette di giocare e divertirsi con la realtà virtuale e simulare inclinazione reale e cambi di direzione in combinazione con un tablet.

Tra le novità del CES in materia di realtà virtuale e tecnologia applicata al fitness ci saremmo aspettati di trovare qualche prodotto che fosse in grado di combinare i due mondi… in realtà la soluzione integrata e più avanzata l’avevamo già da qualche tempo in casa e nessun produttore mondiale ha avuto l’idea che ha permesso a Romeo Mariani, che abbiamo conosciuto su queste pagine attraverso la sua App Virtual Roads, di abbinare una app di gioco e percorso alle capacità di una pedana per il fitness.

Da qualche settimana infatti stiamo sperimentando una soluzione che combina iPad, un telecomando
bluetooth ed un tappeto appositamente predisposto da Rovera sulla base del modello P1141 New Daytona: si tratta di una pedana footing con inclinazione elettrica con velocità da 1 a 12 Km, inclinazione da 0 a 12 km con una struttura in acciaio molto robusta ed un tappeto da 120 x 40 cm con buona silenziosità.

rovera

La parte tecnologica più interessante di questo modello è ovviamente quella realizzata e pensata da Romeo Mariani che da vero e proprio autodidatta della programmazione e pure della costruzioni di circuiti di controllo ha praticamente effettuato un reverse ingeneering della sezione di gestione della pedana (il classico computer che permette di programmare sessioni  in base a velocità ed inclinazione con cambi di cadenza a seconda delle necessità di allemenamento) portandola sotto un sistema di controllo esterno basato su Arduino.

In pratica alla pedana Rovera New Daytona sono stati aggiunti sia un Box di controllo esterno che un trasmettitore Bluetooth che, attraverso l’applicazione denonimata VR 2.0, formano un sistema in grado di offire un nuovo modo di fare esercizio fisico al confine tra il videogioco e la realtà virtuale.

Per iniziare a giocare è sufficiente accendere la pedana, prendere il telecomando e far partire l’applicazione: dopo il riconoscimento dei due dispostivi collegati via bluetooth questi saranno sincronizzati e pronti per il gioco/corsa.

Sullo schermo dell’iPad collegato (la pedana è predisposta per ospitare un tablet sulla sommità e ha una amplificazione propria) apparirà un mondo virtuale, realizzato da Romeo con l’aiuto di Unity 3D, che diventerà il nostro terreno di allenamento con percorsi che possiamo esplorare attraverso l’uso dei tasti direzionali del nostro telecomando bluetooth; in pratica possiamo decidere il nostro percorso virtuale e divertirci a correre in un universo di fantasia ma c’è di più.

La novità assoluta in questo campo è la corrispondenza tra la pendenza del percorso virtuale che stiamo affrontando e quella del tappeto: il collegamento tra l’app, la pedana e la nostra posizione nell’universo virtuale è assoluto e se quindi affrontiamo una strada virtuale in salita la difficoltà viene trasmessa direttamente all’inclinazione reale sotto i nostri piedi così come la velocità prescelta ci permetterà di compiere il percorso prescelto in più o meno tempo.

Qui sotto il video che illustra tutti i dettagli della App.

L’applicazione VR20 è cresciuta nelle settimane in cui abbiamo utilizzato il prodotto e sono stati introdotti alcune interessanti capacità di interazione e di gioco che invogliano a compiere attività fisica attraverso la raccolta di alcuni oggetti durante il percorso virtuale sullo schermo e di corsa reale sul tappeto che saranno sviluppate ulteriormente nei prossimi mesi.

Soluzioni più immersive attraverso l’uso di un visore per la realtà virtuale sarebbero sicuramente possibili ma qui l’utente è in movimento e sotto sforzo e le ragioni si sicurezza prevalgono su un uso ancora più spettacolare. Per un coinvolgimento maggiore si può usare senza problemi un TV collegato ad iPad posto di fronte alla pedana.
Ricordiamo che il modello provato dispone di una propria amplificazione con due speaker frontali.

Idee italiane

Il dato straordinario della soluzione è che il progetto è stato realizzato da un team ristretto di persone: Romeo, Barbara ed un tecnico per l’hardware che hanno seguito il progetto dall’inizio alla fine per creare sulla base di un modello standard di Rovera una soluzione originale per il mercato mondiale. Creatività, visionarietà e conoscenza di hardware e software insieme per creare un prodotto che riesce a combinare fitness e gioco in una maniera assolutamente originale.

La pedana compatibile con VR 2.0 costa 872 Euro al pubblico e potete trovare maggiori informazioni su questa pagina della sito di Rovera.

Per maggiori informazioni su VR 2.0 vi rimandiamo al sito dedicato. L’applicazione è gratuita ed è necessario disporre della pedana per poterla utilizzare.