fbpx
Home Macity Curiosità Alcune strutture critiche del Pentagono gestite con Windows 95 e 98

Alcune strutture critiche del Pentagono gestite con Windows 95 e 98

Quando si pensa al Pentagono, la sede del quartier generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, si immagina l’uso di avveniristiche tecnologie di ultimissima generazione e i più avanzati sistemi informatici al mondo; eppure non è così: il 75% dei suoi sistemi di controllo gira ancora su Windows XP e persino sistemi operativi più vecchi, inclusi Windows 95 e Windows 98.

In accordo con Microsoft, il Dipartimento sta completando la transizione verso Windows 10 ma su molti dei computer sfruttati girano ancora versioni obsolete di Windows. A rivelarlo è Daryl Haegley, program manager nell’Ufficio del Segretario della Difesa per Energia, Impianti e Ambiente.

I dati sono ricavati da 15 siti adibiti a scopi militari in varie parti degli USA. Microsoft ha fermato il supporto a Windows XP nel 2014 ma il Dipartimento della Difesa paga la Casa di Redmond per continuare a fornire supporto per questo sistema operativo legacy.

Fortunatamente a quanto pare i computer con le vecchie versioni di Windows non sono collegati a Internet e dunque non è facile per potenziali cybercriminali tentare di infiltrarsi in questi sistemi. Questo non è ad ogni modo una garanzia contro potenziali attacchi, essendo questi computer collegati a reti che a loro volta sono collegate a Internet. Di fatto, spiega DefenseOne, infrastrutture critiche del Pentagono con sensori collegati a Internet girano su sistemi operativi antiquati. Haegley sta ora spingendo per un allargamento del bug bounty del Pentagono, programma che prevede riconoscimenti e ricompense in denaro per la segnalazione di bug, in particolar modo di quelli relativi a exploit e vulnerabilità.

Il problema non riguarda solo il Pentagono ma molte altre strutture governative. Lo scorso anno è stato rivelato che molte agenzie governative usano ancora PC con Windows 3.1 ma anche software sviluppati in COBOL e Fortran eseguiti su vecchi computer degli anni ’70, con dati archiviati in formati vetusti su supporti introvabili (floppy disk da 8″).

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 744 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,804FansMi piace
93,089FollowerSegui