fbpx
HomeHi-TechFinanza e MercatoApple vs Epic «App Store promuove sempre app concorrenti»

Apple vs Epic «App Store promuove sempre app concorrenti»

Nell’ultimo lotto di e-mail prodotto al processo Epic contro Apple, il vicepresidente di App Store, Matt Fischer, afferma che la multinazionale di Cupertino presenta app realizzate dai suoi concorrenti nello store, rifiutando l’idea di una società anti concorrenziale.

Secondo la corrispondenza interna di Apple presentata come prova da Epic, un dipendente Apple avrebbe scritto una e-mail riguardante una raccolta di app su App Store che facevano parte della raccolta VoiceOver. App Store sotto indagine antitrust in Regno Unito, Apple risponde

Nel messaggio, che è stato inoltrato a Sarah Herrlinger, direttore senior della politica di accessibilità globale di Apple, il dipendente afferma che Fisher si sente “estremamente convinto” sul presentare app concorrenti sulla piattaforma, come rileva iMore. L’e-mail in questione cosi recita:

Ciao Andrea, ho appena parlato con Tanya della presentazione delle app Google e Amazon nella raccolta VoiceOver e ci ha chiesto di escluderle dalla formazione. Sebbene possano essere le nostre app migliori e più brillanti, Matt si sente estremamente convinto di non presentare i nostri concorrenti nello store “App Store”, quindi Yanta ci ha chiesto di applicare gli stessi filtri per questa raccolta. Mi dispiace di non averlo verificato prima

Rispondendo all’affermazione del dipendente, Fischer afferma che Apple offre e promuove app concorrenti sull’‌App Store‌ “tutto il tempo” e cita l’esempio specifico di Apple con Peacock, Hulu e Hulu Plus sulla piattaforma, nonostante siano in competizione con il proprio servizio di streaming Apple TV+. Anzi, di recente la notizia che Apple concederà a Hulu l’accesso ad API riservate.

Apple ha affrontato a lungo le critiche sul fatto che riduce la visibilità delle app di terze parti concorrenti all’interno di App Store rispetto alle proprie. Nel 2019, la società ha modificato l’algoritmo di selezione di App Store dopo essersi resa conto che molte delle sue app si trovavano più in alto nei risultati di ricerca dello store.

I vincitori del Best of 2020 dell’App Store hanno ricevuto un vero e proprio premio
Immagine: Flexibits

Nonostante il cambiamento, la società di analisi Sensor Tower all’epoca ha mostrato che le app Apple di prime parti erano al primo posto per oltre 700 termini di ricerca.

Per quanto concerne la diatriba di Epic Games contro Apple, ricordiamo che è iniziata con l‘introduzione in Fortnite di un sistema di pagamenti diretto vietato dalle regole di App Store, ma anche dal regolamento di Google Play Store: il gioco è stato espulso da entrambi i negozi digitali. Tutti gli sviluppi della vicenda sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

Risparmiate 410 € su MacBook Pro M1 da 512 GB: 1299 euro

Su Amazon va ancora in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 410 euro per arrivare al prezzo minimo.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial