HomeMacityFinanza e MercatoLa causa Apple vs Epic in Australia si ferma prima di partire

La causa Apple vs Epic in Australia si ferma prima di partire

Nel tentativo di cambiare come funziona App Store o di introdurre un nuovo sistema per la distribuzione della app per iPhone e iPad, Epic ha denunciato Apple non solo negli USA ma anche in altri stati, solo che in Australia la causa è sospesa prima ancora di cominciare.

Negli scorsi giorni il giudice che segue il caso di Apple contro Epic in Australia ha stabilito una pausa di tre mesi. Per lo sviluppatore di Fornite, il gioco da cui è scaturita la guerra legale, ora l’unico modo per proseguire è quello di intentare causa in California per presunte violazioni delle leggi che tutelano i consumatori in Australia.

In sostanza il giudice in Australia ha deciso di non procedere nella causa Apple contro Epic rimettendo la decisione al tribunale e giudice statunitensi. Epic Games ha tre mesi di tempo per presentare la sua denuncia in California, in caso contrario il processo in Australia sarà sospeso definitivamente.

Fortnite espulso da App Store, Epic Games querela Apple

Nella situazione attuale il solo modo in cui il caso Apple contro Epic possa tornare in tribunale in Australia è che il giudice Gonzalez Rogers, che presiede il caso in USA, rifiuti di determinare se Apple abbia violato o meno i diritti dei consumatori australiani, come rileva Gizmodo. Naturalmente Epic può sempre fare appello sulla decisione, ma questo verrebbe preso in esame non prima del mese di novembre.

Ricordiamo che sempre negli scorsi giorni sono emersi dettagli sul piano interno di Epic Games denominato Project Liberty con il quale lo sviluppatore ha pianificato lo scontro con Apple diversi anni prima della vicenda Fornite da cui è partito tutto. Il primo confronto tra Apple ed Epic Games in tribunale in USA inizierà il 3 maggio: nel processo saranno chiamati a testimoniare diversi dirigenti delle due società.

La diatriba di Epic Games contro Apple è iniziata con l‘introduzione in Fortnite di un sistema di pagamenti diretto vietato dalle regole di App Store, ma anche dal regolamento di Google Play Store: il gioco è stato espulso da entrambi i negozi digitali. Tutti gli sviluppi della vicenda sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

MacBook Pro M2 oggi è il primo giorno di disponibilità

MacBook Pro 14 e 16 e MacBook Air, disponibilità immediata e sconti

Su Amazon si trovano diversi MacBook Air e MacBook Pro in pronta spedizione e in sconto. Ecco i migliori affari di oggi
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial