fbpx
Home Hi-Tech Android World Epic vs Apple, il processo è la punta dell'icerberg di Project Liberty

Epic vs Apple, il processo è la punta dell’icerberg di Project Liberty

In vista del suo imminente processo contro Epic Games, Apple ha presentato 500 pagine di documenti in cui sostanzialmente si riassumono tutte le informazioni scambiate tra Apple ed Epic, prima che scoppiasse il caso in tribunale. Si scopre che il processo è soltanto la punta di un iceberg ben più profondo, un progetto plurierannale che all’interno di Epic è indicato come Project Liberty.

Apple vede la sfida di Epic come un attacco al suo modello di business che sostanzialmente è rimasto invariato da 13 anni, ossia dalla nascita di App Store nel 2008. Apple sostiene che le sue rigorose linee guida per la revisione delle app forniscono ai consumatori sicurezza, privacy e affidabilità, qualcosa per cui i suoi dispositivi sono noti, portando a vantaggi significativi per gli utenti finali e anche per gli sviluppatori.

La commissione del 30% addebitata da Apple è in linea con le commissioni addebitate da altri marketplace di app e fornitori di software, spiega il colosso di Cupertino, come dimostrato in uno studio commissionato dalla stessa Apple. In sostanza, si difende la Mela, Apple è entrata in un mercato in cui le commissioni del 30% erano già accettate – non ha fissato tale tariffa quando è stato lanciato App Store. Anzi, l’ha recentemente ridotta al 15% per gli sviluppatori più piccoli.

In risposta alle affermazioni secondo cui App Store sarebbe anticoncorrenziale perché non ci sono app store alternativi consentiti su iPhone, Apple spiega che esistono altre piattaforme che le persone possono scegliere, insieme ad altre opzioni di gioco; inoltre, le app web sono supportate su iPhone e iPad come alternative di gioco, di cui peraltro Microsoft e Google hanno già approfittato. Apple utilizza il titolo principale di Epic, Fortnite, per illustrare il suo punto.

project liberty

Le difese di Apple

Il gioco di punta di Epic, Fortnite, illustra quel che avviene nel panorama videoludico competitivo. Apple supporta il gioco multipiattaforma e le transazioni multipiattaforma. Lo stesso consumatore può effettuare acquisti in-app di V-Bucks sul suo ‌iPhone‌ (tramite browser) durante la pausa pranzo e su una console a casa la sera. Apple (a differenza di alcuni dei suoi concorrenti) consente il gioco “cross-wallet”, in modo che gli acquisti in-game – chiamati V-Bucks in Fortnite – possano essere effettuati su un dispositivo e utilizzati su un altro. In altre parole, un utente iOS può acquistare V-Bucks su un PC e quindi (prima della rimozione di Fortnite) utilizzarli in Fortnite sul proprio iPhone o iPad, con Epic che non dovrà nemmeno un centesimo di commissione ad Apple.

Project Liberty è una lunga storia

I documenti interni di Project Liberty suggeriscono che Epic complotta contro Apple e Google dal 2008. Epic ha avviato Project Liberty quando ha visto un calo dei suoi utenti attivi mensili medi e delle entrate, escogitando una strategia per pagare meno commissioni pur continuando ad approfittare dei vantaggi offerti da App Store e dei soldi che Apple ha investito nell’ecosistema.

Epic Games ha assunto avvocati e una società di pubbliche relazioni come parte del suo piano per avviare una causa contro Apple, sborsando infine centinaia di migliaia di dollari. Epic ha delineato il suo piano per ottenere l’approvazione di Fortnite con opzioni di pagamento alternative nascoste, che sono state quindi attivate da un hotfix, portando all’attuale controversia. Ancora, documenti interni a Epic hanno descritto la battaglia legale contro Apple e Google come «divertente!» e ha riflettuto su come convincere Apple e Google a riconsiderare le loro tariffe senza che Epic Games sembrasse «il cattivo».

Tutto questo faceva parte di una strategia mediatica pre-pianificata chiamata “Project Liberty”. Epic ha mantenuto Cravath, Swaine & Moore LLP e una società di pubbliche relazioni nel 2019, e questa causa è il culmine di questo sforzo. Epic cerca di ritrarre Apple come il cattivo in modo che possa ravvivare l’interesse per Fortnite. Tuttavia, ironia della sorte, quando Epic è stato lanciato dalla piattaforma iOS, ha detto ai giocatori che potevano continuare a giocare su console, PC e altri dispositivi, dimostrando l’esistenza della concorrenza e l’assenza di monopolio

Tim Sweeney, CEO di ‌Epic Games‌, ha confermato Project Liberty in interviste precedenti e ha affermato che Epic ha trascorso mesi a preparare la causa contro Apple, sebbene i documenti del tribunale di Apple forniscano nuove informazioni sulla durata dello studio che ha portato Epic ad avviare una causa antitrust.

Apple sostiene che un’espansione della legge antitrust è ingiustificata e che le descrizioni del mercato dei prodotti di Epic sono imprecise a causa delle altre piattaforme con cui App Store è in competizione. Apple afferma che Epic sopravvaluta la redditività di App Store e che le argomentazioni secondo cui il processo di revisione è inefficace sono imprecise. L’anno scorso, Apple ha rifiutato 150.000 app e il malware sui dispositivi iOS è quasi inesistente rispetto all’elevato numero di app dannose trovate su PC e dispositivi Android.

In fondo, Epic chiede a questa Corte di imporre termini alternativi ad Apple in modo che Epic possa fare più soldi. Ma la richiesta di Epic danneggerebbe altri sviluppatori e consumatori, oltre a imporre ad Apple obblighi senza precedenti di aprire i suoi sistemi proprietari e l’ingegneria a terzi

La prova su banco di Epic contro Apple inizierà il 3 maggio e si concluderà la settimana del 24 maggio. Sia Epic, che Apple chiameranno testimoni di alto profilo, tra cui il CEO di Apple Tim Cook, oltre a Phil Schiller, ex responsabile marketing di Cupertino. Craig Federighi, e l’ex capo del software iOS Scott Forstall, ancora, testimonieranno a nome di Apple.

La diatriba di Epic Games contro Apple è iniziata con l‘introduzione in Fortnite di un sistema di pagamenti diretto vietato dalle regole di App Store, ma anche dal regolamento di Google Play Store: il gioco è stato espulso da entrambi i negozi digitali. Tutti gli sviluppi della vicenda sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

Amazon fa il miracolo: AirPods Pro pronta spedizione e in sconto

Airpods Pro minimo storico: solo 159,98 €

Su Amazon gli Airpods Pro tornano in sconto e ora li "rubate": solo 159,99 euro, quasi 100 euro meno del prezzo Apple
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,823FansMi piace
93,193FollowerSegui