Apple Maps aggiunge le stazioni di bike sharing in 175 città

Apple Maps gode adesso dei dati sulle stazioni di bike sharing, che figurano in oltre 175 città. Purtroppo l’Italia non p inclusa in questo particolare elenco.

[banner]…[/banner]

Apple Maps tenta di ingranare la quarta, questa volta inserendo un’attrattiva che potrà interessare tutte gli appassionati di biciclette: per 175 città, in 36 differenti paesi, Apple Maps fornirà le indicazioni sulle stazioni di bike sharing.

A riferirlo nelle scorse è stato TechCrunch, che evidenzia come Cupertino abbia siglato una partnership con Ito Word per aggiungere le stazioni di bike-sharing, e i dati collegati, all’interno di Apple Maps. Il servizio offre il supporto a Citi Bike a New York, Ford GoBike a San Francisco, BIKETOWN a Portland, Cicli Santander a Londra, Bicing a Barcellona, ​​BIXI a Montreal, CityCycle a Brisbane, nextbike in Germania, Austria, Croazia, Svizzera e Regno Unito, oltre a decine di altri paesi.

L’Italia apparentemente non figura tra i paesi che godono di questo tipo di servizio, ma in realtà un paio di locazions, tra Roma e Milano, vengono individuate. La speranza è che in futuro anche il nostro paese sia incluso tra quelli oggetto di questa informazione.

Per trovare la stazione di bike-sharing più vicina è sufficiente scrivere nell’apposita barra di ricerca “bike sharing” o il nome del servizio. Attualmente, però, Apple Maps non fornisce il numero di biciclette a disposizione in quella determinata stazione, o il numero di posteggi vuoti, ma chissà che presto tale funzione possa finalmente trovare spazio all’interno delle Mappe di Apple: si tratterebbe sicuramente di una informazione gradita da parte dei ciclisti.  Ad ogni modo, nel corso degli ultimi anni, Apple ha fatto progressi in termini di qualità del proprio servizio mappe, anche  se ancora non sembra poter competere con Google, che sembra avere vantaggio rispetto alla concorrenza.

Già nel recente passato Apple ha inserito all’interno del proprio servizio di Mappe i dati aeroportuali, quindi per la navigazione indoor, anche dei centri commerciali, mentre lato navigazione outdoor ha perfezionato il servizio con la presenza di assistenti di corsia, oltre ai dati su mezzi pubblici e stazioni di ricarica EV.