Entriamo nella casa di Tim Cook, il CEO di Apple svela la sua vita con HomeKit

In punta di piedi entriamo nella casa di Tim Cook dove serrature, luci, caminetto e persino la caffettiera sono automatizzati con iPhone e HomeKit. Ecco com'è la casa smart raccontata dal Ceo di Apple  

casa di tim cook

Quando si è al timone di un’azienda non c’è cosa migliore che mettersi nei panni del consumatore per conoscere e comprendere a trecentosessanta gradi le sue esigenze e costruire di conseguenza il migliore prodotto possibile. Non stupisce quindi scoprire che anche Tim Cook tra iPhone, iPad, Mac ed Apple Watch, è un utente accanito di prodotti HomeKit, specialmente dopo il lancio dell’applicazione Casa con iOS 10 (qui la nostra guida-recensione).

Nel discutere i risultati record dell’ultimo trimestre, l’amministratore delegato di Apple si è infatti lasciato sfuggire qualche commento relativo alle sue giornate con HomeKit, abitudini che AppleInsider ha ripreso ipotizzando quali prodotti potrebbero trovarsi dietro la porta di casa Cook.

casa di tim cook

Le ventiquattro ore del CEO di Apple cominciano con un «Buongiorno» a Siri che, grazie all’integrazione del sistema con i dispositivi smart HomeKit, si traduce automaticamente nell’accensione delle luci e nell’avvio della caffettiera. Per le prime potrebbe affidarsi alle lampadine Philips Hue, mentre per quanto riguarda il caffè ad oggi non esistono caffettiere HomeKit: è più probabile, quindi, che Cook ne utilizzi una classica con avvio automatico all’accensione, processo che potrebbe gestire con un qualsiasi interruttore Smart come ad esempio Eve Light Switch.

Finita la colazione è tempo di andare in ufficio, e nell’abitazione di Tim Cook «Basta un semplice tocco sull’iPhone per spegnere le luci, abbassare i riscaldamenti e bloccare le porte». Cercando di tradurre quest’affermazione in una soluzione concreta, con molta probabilità il CEO di Apple ha creato una “scena” nell’app Casa di iOS 10 che, in un sol colpo, regola i diversi accessori HomeKit secondo parametri configurati in precedenza.

Se per l’illuminazione sappiamo già quali lampade potrebbe controllare, per quanto riguarda la regolazione dei riscaldamenti c’è bisogno di un termostato Smart come quello di Netatmo oppure Honeywell Lyric T6R. Sono diverse le soluzioni HomeKit anche per le serrature: tra le tante che potrebbero essere installate nell’abitazione di Tim Cook ricordiamo la serratura Schlage Sense Smart Deadbolt, oppure August Smart Lock o ancora Array in versioni dedicate alla serrature USA.

casa di tim cook

C’è un po’ di tecnologia anche per il rientro a fine giornata. «Nel momento in cui mi avvicino» ha spiegato Cook «La casa si prepara ad accogliermi utilizzando un semplice geofence». Facendo qualche supposizione, anche in questo caso potrebbe semplicemente aver programmato una scena che si attiva attraverso la localizzazione GPS del suo iPhone: entrando in un raggio d’azione pre-configurato, tramite l’app Casa di iOS 10 potrebbe aver creato una scena che sblocca automaticamente le porte, accende le luci e riattiva i riscaldamenti.

Ascoltando le dichiarazioni di Cook, l’automazione domestica abbraccia poi il salotto, a partire dall’accensione del camino tramite Siri. Come per le caffettiere, al momento non esistono camini HomeKit, ma potrebbe aver semplicemente collegato uno dei tanti modelli elettrici a un interruttore smart connesso.

C’è ancora tanta strada da fare per automatizzare anche il più piccolo dettaglio della vita casalinga, ma «Fino a pochi anni fa nessuno immaginava questo livello di automazione domestica» ha concluso Cook «Ed oggi è qui grazie ad iOS e HomeKit».

Sul nostro sito trovate tutte le guide e le recensioni per utilizzare Homekit anche nella vostra casa.

casa di tim cook