fbpx
Home Macity Curiosità Facebook vuole bloccare la condivisione delle notizie in Australia, Google seguirà a...

Facebook vuole bloccare la condivisione delle notizie in Australia, Google seguirà a ruota?

Facebook ha annunciato che impedirà agli utenti in Australia di condividere notizie sul social network se entrerà in vigore una proposta di legge dal regolatore della concorrenza del paese, che imporrebbe di pagare le società di media locali per i loro contenuti.

La minaccia arriva dopo che l’Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) ha presentato una bozza normativa che “affronterebbe gli squilibri del potere contrattuale tra le attività dei media australiani e le piattaforme digitali” e consentirebbe alle testate giornalistiche australiane di “negoziare un equo pagamento per il loro lavoro di giornalisti”.

Un aggiornamento all’SDK di Facebook manda in crash varie app di iOS

Se il regolamento proposto diverrà legge, società come Facebook e Google avranno tre mesi per negoziare con le organizzazioni dei media australiane. In un post sul blog ufficiale apparso nelle scorse ore, l’amministratore delegato di Facebook Australia e Nuova Zelanda, Will Easton, si è opposto alla bozza di regolamento, sostenendo che il codice “fraintende le dinamiche di Internet e danneggerà proprio le organizzazioni di notizie che il governo sta cercando di proteggere”:

Supponendo che questa bozza di codice diventi legge, con riluttanza smetteremo di consentire agli editori e alle persone in Australia di condividere notizie locali e internazionali su Facebook e Instagram. Questa non è la nostra prima scelta, è l’ultima. Ma è l’unico modo per proteggersi da un risultato che sfida la logica e danneggerà, non aiuterà, la vitalità a lungo termine del settore delle notizie e dei media australiani

L’ACCC presume che Facebook tragga i maggiori vantaggi dal suo rapporto con gli editori, quando in realtà è vero il contrario. Le notizie rappresentano una frazione di ciò che le persone vedono nel loro feed di notizie e non sono una fonte significativa di entrate per noi. Tuttavia, riconosciamo che le notizie svolgono un ruolo di vitale importanza nella società e nella democrazia, motivo per cui offriamo strumenti e formazione gratuiti per aiutare le società di media a raggiungere un pubblico molto più ampio di quello che avevano in precedenza

In una dichiarazione rilasciata a CNET, il presidente dell’ACCC Rod Sims ha affermato che la minaccia di Facebook è “inopportuna e mal concepita”:

La bozza del codice di contrattazione dei media mira a garantire che le aziende giornalistiche australiane, compresi i media indipendenti, della comunità e regionali, possano sedersi al tavolo per trattative eque con Facebook e Google

Facebook già paga alcuni media per i contenuti delle notizie. Il codice mira semplicemente a portare equità e trasparenza a Facebook e alle relazioni di Google con le aziende dei media australiani

In una mossa forse correlata alla bozza del codice dell’ACCC, Facebook ha inviato una notifica a tutti gli utenti, spiegando che i suoi termini di servizio verranno aggiornati dal 1° ottobre prossimo, per consentirgli di rimuovere o limitare l’accesso a qualsiasi contenuto che pensa possa causare ai social media problemi legali in virtù della nuova normativa.

Anche Google si oppone al progetto di regolamento e ha inviato una lettera aperta all’ACCC affermando che avrebbe messo a rischio i servizi gratuiti che offre agli utenti. L’ACCC ha risposto dicendo che la lettera “contiene disinformazione” e ha affermato che “un settore dei media in buona salute è essenziale per una democrazia ben funzionante”. Ha anche osservato che l’addebito agli utenti non è un requisito del progetto di regolamento e se Google scegliesse di seguire questa strada, sarebbe solo una scelta di Google.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Facebook sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

Su Amazon tornano gli Airpods e sono ancora apprezzo minimo: 138,99€

Airpods 2 ad un prezzo “cinese”: 110,69 euro. È il più basso di sempre!

Su Amazon gli AirPods 2 scendono al minimo storico: solo 110,69 euro, il prezzo di discrete cuffiette cinesi
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,704FansMi piace
93,889FollowerSegui