HomeHi-TechAudio / Video / TV / StreamingHomePod arriva a Londra: ecco le prime impressioni "europee"

HomePod arriva a Londra: ecco le prime impressioni “europee”

HomePod, il primo speaker con Airplay 2 di Apple è arrivato anche in Europa. Da venerdì 9 Febbraio è possibile acquistarlo anche nel Regno Unito ed è arrivato puntuale presso l’abitazione londinese di Mario Bucolo che ci ha inviato le sue prime impressioni e alcune immagini istantanee del suo spacchettamento.

Racconta Mario.. “L’altissima qualità costruttiva risulta evidente sin dal packaging, la scatola in cartone è addirittura felpata all’interno, il cavo di alimentazione è di altissima qualità ma è da notare che la presa inglese è saldata al filo stesso e questo termina all’interno dello speaker rendendo necessaria, in caso di acquisto in UK, l’aggiunta di un ingombrante adattatore per collegarlo alla rete.

Nella confezione troviamo come  al solito le istruzioni e l’adesivo Apple all’interno di un originale contenitore circolare.

Ovviamente non ha Siri in Italiano ed è questa la ragione per cui non è venduto nel nostro paese.
La configurazione è semplicissima (le istruzioni sono qui sopra e le schermate le trovate nella galleria qui sotto): basta tenere l’iPhone a pochissima distanza e basta semplicemente confermare le impostazioni iCloud e di rete.

Le risposte con con Siri in Inglese sono immediate e pure con la musica ad alto volume, al massimo disponibile, lo speaker reagisce con prontezza con una suggestiva animazione sulla parte superiore.

Per quanto riguarda l’audio: Homepod è stato collocato in varie posizioni e ha di buono che alla fine si sente in tutta casa, ad un livello limitato però visto che non si raggiungono vette di altissimo volume per naturali limiti fisici.

Come notato da altri ha qualche problema di equalizzazione, buoni i bassi ma impastati gli acuti, almeno nei primi ascolti: “Ho provato varie musiche da Morricone ad Allevi, il piano non si sente benissimo. Provato con “Nessun dorma” eseguito da Pavarotti, brani rock e pop con Queen, Abba, Archangel, la sountrack di Blade Runner: il suono sembra  in generale un poco impastato sugli alti, mentre con le voci femminili come quella di Mina si sente benissimo, ma altre canzoni italiane non sembrano così definite nelle frequenze alte,  la Marcia di Radetzsky risulta impastata, meglio l’ouverture della Carmen di Bizet ma in generale Il suono appare più bilanciato sui bassi che sugli acuti.”

Vedremo nei prossimi giorni se lo speaker sarà in grado di suonare meglio dopo un adeguato periodo di rodaggio.

NDR 1: come fanno notare alcuni lettori il cavo sul lato HomePod non è effettivamente saldato allo speaker: effettuando una notevole forza lo si può sganciare dall’alloggiamento e il risultato da quel lato sarà un connettore bipolare non standard saldato (o incollato? meglio non avventurarsi oltre) al filo.
Avrete bisogno di un cavo “nazionale” apposito (sembra che il costo si aggirerà sulle 25 Sterline per il ricambio del modello attuale) se non volete utilizzare un voluminoso adattatore di spina UK/Italia dall’altra parte.
Questa opzione non è segnalata nelle istruzioni e per la sua poca praticità sembra più una soluzione per rendere adattabile il confezionamento per le varie nazioni in cui lo speaker è commercializzato piuttosto che un sistema per renderlo trasportabile e collegabile da un luogo all’altro del mondo o persino all’interno della casa. Vi ricordiamo che tutti i prodotti Apple commercializzati ad oggi, anche i più piccoli come Apple TV, hanno sempre avuto sistemi di alimentazione facilmente intercambiabili e standardizzati e la possibilità di usare cavi adattabili dal costo irrisorio.

 

Offerte Speciali

Come acquistare MacBook Air M1 a rate su Amazon con carte ricaricabili

Mac Book Air M1 256 GB: sconto a 994,65 Euro

Il modello di MacBook Air M1 nella versione oro con disco da 256 GB è in offerta su Amazon. A 965,99 Euro. Il minimo mai raggiunto su Amazon.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial