iPhone X batte il nuovo Galaxy Note 9 nei benchmark

iPhone X batte il nuovo Galaxy Note 9 nei benchmark

Nei primi test che mettono a confronto i vari smartphone di ultima generazioine, il nuovo Galaxy Note9 è stato battuto da iPhone X.

Ieri Samsung ha presentato a New York il nuovo Galaxy Note9, ultimo smartphone della famiglia Samsung Galaxy Note, evidenziando come una delle novità le performance elevate. Il dispositivo vanta un processore Qualcomm Snapdragon 845, la stessa CPU vista sui Galaxy S9 e S9+ presentati a marzo, e 6GB di memoria RAM o 8GB se acquistato nella versione con 512GB di storage.

Il sito Tom’s Guide ha eseguito una serie di benchmark confrontando i risultati con altri dispositivi Androide con l’iPhone X di Apple. I risultati con Geekbench 4 evidenziano con il Note 9 un punteggio di 8.876 nei test multi-core, un miglioramento di 2.300 punti rispetto al Note 8 dello scorso anno. Lo smartphone con schermo da 6.4” supera anche il Galaxy S9+ della stessa famiglia che arriva a un punteggio di 8.295, ed è in pratica lo smartphoen più veloce prodotto finora da Samsung. Il dispositivo Android più veloce è OnePlus 6 che nei test multicore registra un punteggio di 9.088 aiutato probabilmente anche dai 8GB di RAM.

Benchmark Galaxy Noye 9

L’iPhone X continua a lasciare dietro la concorrenza. Il SoC A11 Bionic di Apple di questo dispositivo (che ha “soli” 3GB RAM) consente di ottenere un punteggio di 10.357, superiore a qualsiasi altro dispositivo testato.

Nei test grafici, è stata usata la complessa animazione del benchmark 3DMark Sling Shot Extreme 3.1 che prevede il rendering di una simulazione 3D calcolando FPS, tempi di elaborazione, potenza di calcolo e accuratezza della riproduzione. Il Note 9 ha battuto l’S9+ della stessa famiglia con un punteggio di 4.639. Il dispositivo di Apple e OnePlus hanno battuto Samsung con un punteggio rispettivamente di di 4994 e 5124.

Benchmark slingshot galaxy note 9

Apple con il suo A11 Bionic ha dimostrato da tempo di essere avanti sul versante SoC. L’attuale processore di iPhone X vanta quattro core ad alta efficienza fino al 70% più veloci rispetto al precedente chip A10 Fusion e due core ad alte prestazioni fino al 25% più performanti. Le carte in tavola cambieranno ancora a fine settembre con la presentazione dei nuovi iPhone e il nuovo Soc A12. Per il momento si conosce poco: si vocifera che sarà prodotto in esclusiva da TSMC e che sfrutterà un design con tecnologie a 7nm permettendo di ottenere migliorie sul versante della velocità e dei consumi rispetto ai chip a 10nm sfruttati nei dispositivi attuali come iPhone 8 e iPhone X.