L’attesa per iPhone X penalizza le vendite di iPhone in Italia

Sembra paradossale, ma a far crollare la quota iOS nei principali mercati chiave è proprio iPhone X. Nei dati Kantar il crollo iOS in USA, Regno Unito e Giappone ma a sorpresa non in Italia, prima dell’arrivo del terminale top

Sembra che l’attesa per iPhone X non abbia giovato alla quota di mercato iOS, che ha registrato, almeno in alcuni importanti paesi, come USA, Giappone e Regno Unito, importanti cali di percentuale. Anche in Italia, dove però il dato negativo è contenuto nell’ordine dello 0,5%, rispetto allo scorso anno e praticamente invariato rispetto alla rilevazione del trimestre scorso.

Nei tre mesi terminati ad all’ottobre scorso, iOS non è riuscito ad approfittare dell’ormai virtuale azzeramento di Windows sceso nella EU5, i cinque principali paesi europei, all’1%. In Italia, un tempo paese leader per i telefoni delle Finestre, che qui godevano di formidabile supporto da parte degli operatori che li spacciavano a prezzi stracciati, Windows Phone raschia il fondo del barile e passa dal 4,3 all’1,7% e chi ne approfitta è ancora Android che conquista l’85% del mercato, mentre in altri mercati, come quello UK, è schizzato di ben 10,2 punti percentuali. Nel regno unito iOS perde moltissimo, addirittura l’8,5%, mentre in casa, nella terra a stelle e strisce, il sistema di Cupertino registra un -7,6%.

I dati non sembrano aver sorpreso più di tanto Dominic Sunnebo, Direttore Business Unit Globale per Kantar Worldpanel ComTech, secondo cui era normale un calo iOS considerando che iPhone 8 non è stato poi  un aggiornamento così importante rispetto al 7, e considerando anche l’attesa generata da iPhone X. E’ chiaro, spiega l’analista, che il terminale del decimo anniversario ha fatto slittare la decisione di acquisto degli utenti, che hanno preferito aspettare iPhone X, prima di scegliere quale terminale iOS acquistare.

dati di vendita Kantar per il terzo trimestre 2017

Se si esclude l’Inghilterra, nell’Eurozona iOS ha comunque limitato i danni. Del calo modesto in Italia si è riferito in apertura, mentre in Francia si è registrato un -0,6%, in Germania -1,6%, con la Spagna, invece, che ha registrato un dato positivo, addirittura di 4,4 punti percentuali.

Sorprende, invece, la rilevazione in Cina, non tanto per il dato numerico, un +0,5% per iOS, ma quanto per il fatto che è proprio in questo terreno che iOS trova una fortissima pressione di Android, per via dei numerosi competitor ben piazzati all’interno del territorio, come Huawei, Xiaomi, Vivo e Oppo. Sembra che la corazzata cinese non sia riuscita ad abbattere quella Apple, che non solo ha retto nel trimestre che ha preceduto iPhone X, ma ha anche guadagnato mezzo punto percentuale.

Peraltro, sarà davvero interessante il prossimo dato Kantar, dove grazie ad iPhone X, nel vivo delle vendite, vi potrebbe essere un nuovo rinvigorimento della quota di mercato iOS.