Home MacProf Emulazioni, virtualizzazione, Mac e Windows Microsoft contro Apple con lo Store a zero commissioni

Microsoft contro Apple con lo Store a zero commissioni

E’ guerra ad Apple con il nuovo Microsoft Store di Windows 11 che, a differenza di App Store, non richiede alcuna commissione agli sviluppatori. Il nuovo sistema operativo, presentato ieri, arriverà entro la fine dell’anno e tra i più importanti cambiamenti rispetto alla versione che va a sostituire (che risale al 2015, ndr), oltre alla possibilità di avviare nativamente le app Android, c’è proprio quello di consentire agli sviluppatori di software di utilizzare i propri sistemi di pagamento in-app e, per di più, non dover pagare alcuna percentuale o commissione a Microsoft.

È un approccio che va in contrasto con il “giardino recintato” di Apple, che consente di scaricare le app per iPhone e iPad soltanto da App Store e impone controlli agli sviluppatori, incluso l’obbligo di usare i sistemi di pagamento in-app di Apple e pagare una commissione che arriva fino al 30% sull’incasso. Questo cambiamento quindi equivale a uno scontro di visioni tra Microsoft, la cui capitalizzazione di mercato ha recentemente superato i 2.000 miliardi di dollari, ed Apple, che è l’unica altra società quotata negli Stati Uniti che raggiunge questa somma.

E’ in realtà anche una sfida al Play Store di Google, che come Apple addebita una commissione agli sviluppatori. Come sottolineato da Satya Nadella, amministratore delegato e presidente di Microsoft «Windows è sempre stato sinonimo di sovranità per i creatori e agenzia per i consumatori». Questo grande cambiamento rende anche più chiaro il motivo che ha spinto Microsoft a testimoniare contro Apple nella battaglia legale scatenata da Epic Games: si stava in realtà preparando a capovolgere il modello di business di App Store.Microsoft Store di Windows 11

Va detto anche che Microsoft ha sempre cercato di trovare un modo per vendicarsi di Apple per la rivoluzione portata con iPhone, che ha letteralmente ucciso il suo mercato in pochissimo tempo. Il nuovo modello previsto per Microsoft Store di Windows 11 potrebbe essere una grande vittoria sul lungo periodo soprattutto se Apple si rifiuterà di cambiare l’attuale sistema in tempi utili, come rileva Reuters. Se è vero che i fan di Apple non saranno commossi da questa novità di Microsoft, gli sviluppatori potrebbero essere invece facilmente indotti a fare più soldi su Microsoft Store e iniziare a sviluppare app prima per Windows che per le altre piattaforme.

Soltanto il tempo ci dirà se questa strategia sarà effettivamente vincente, ma una cosa è certa: il nuovo modello di Microsoft Store ha appena dato fuoco a quello di App Store e le commissioni antitrust di tutto il mondo ora saranno soltanto incoraggiate da questo atteggiamento a insistere nel richiedere ad Apple di apportare le modifiche al suo negozio di app. Per quanto riguarda la sicurezza, Apple si trova ancora in una posizione di vantaggio, ma per gli antitrust ciò potrebbe non essere sufficiente: la domanda quindi è «Fino a che punto si spingeranno i governi per imporre cambiamenti all’App Store di Apple e al Play Store di Google?».

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Microsoft sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

iPad Air 256 GB Wi-Fi e 64 GB cellular: scontatissimi su Amazon i modelli 2020

Su Amazon trovate in sconto iPad Air Cellular da 64 GB e iPad Air Wi-Fi da 256 GB con ribassi oltre il 14% e spedizione immediata.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,952FollowerSegui