Nikkei: iPhone 8 avrà la ricarica wireless

Oltre a vetro e schermi Oled, il telefono del prossimo anno porterebbe avere il sistema di ricarica senza spinotto, almeno sul modello di punta: un inedito apparecchio da 5,5 pollici. La voce arriva dalla Cina, dal parter

[banner]…[/banner]

Il nuovo iPhone che verrà sarà un animale completamente diverso da quelli visti sino ad ora. Non solo per display, processore e caratteristiche tecniche ma anche, si apprende da indiscrezioni pubblicate da Nikkei su fonte cinese, per avere la ricarica wireless.

Foxconn starebbe già testando infatti il sistema di carica wireless per implementarlo nelle linee di produzione che l’azienda taiwanese sta costruendo a Shenzen per la prossima generazione di iPhone 8 (mentre quelle per gli iPhone 7 sono ovviamente attualmente in produzione).

Non è tuttavia detto che la funzionalità riesca ad arrivare nella prossima generazione di iPhone. “L’iPhone del decimo anniversario – dicono le fonti – avrà la ricarica wireless solo se il modulo attualmente in test di pre-produzione riuscirà ad essere implementato in maniera soddisfacente, cioè con tassi di scarto minimi”. Il tasso di scarto e quello di “raccolto” (yeld, in inglese) sono gli indicatori con i quali nel mercato dei semiconduttori si indicano le percentuali di componenti di qualità non soddisfacente. Le lavorazioni ad altissime precisioni, dalla fotoincisione della superficie dei wafer di silicio sino alla creazione di componenti più complessi sono infatti svolte in ambienti sterili e con la massima precisione possibile, ma sottoposte sempre a una serie di errori che introducono una serie di pezzi da scartare. Avere una percentuale molto bassa è ovviamente l’obiettivo di tutti i produttori e assemblatori di alto livello come Foxconn. Del resto se è vero che Apple sra lavorando ad una ricarica wireless è questione nota da tempo e sostenuta anche dall’analista Ming Chi Kuo ma è altrettanto noto che vuole farlo con tecnologie innovative che superino i limiti attuali della ricarica a contatto e questo potrebbe complicare di molto il percorso dei partner nel settore delle componenti.

In ogni caso Apple ci conta particolarmente perché l’introduzione della ricarica wireless farebbe parte di quel pacchetto di tecnologie differenziatrici che sono mancate con l’iPhone 7, sostanzialmente terza iterazione dello stesso progetto iniziato tre anni fa. Non è una novità assoluta ma sappiamo che Apple aveva la determinazione di implementare questa tecnologia quando avrebbe ritenuto che avesse senso e potesse essere utilizzata in maniera innovativa. La stessa cosa è accaduta ad esempio con il doppio obiettivo dell’iPhone 7 Plus, che è qualcosa di più che non un telefono con due fotocamere, vista ad esempio la novità dello sfocato nella modalità ritratto.

Secondo Nikkei Asia Review, Apple vuole rimpiazzare tutta la cassa dell’iPhone 8 con vetro e usare solo un telaio di alluminio, per rendere più leggero e performante il suo prodotto che si articolerà su tre varianti di dimensioni diverse. Ci sarà infatti anche un modello da 5,5 pollici con schermo Oled, secondo il sito giapponese. Lo avrebbe confermato più o meno esplicitamente il presidente di Sharp, Tai Jung-wu, fornitore dei pannelli LTPS. Sharp attualmente è di proprietà di Foxconn.

Così iPhone 8 potrebbe avere display oled, chassis innovativo, potenza estrema, grande autonomia, superficie anteriore praticamente senza cornice e, per tutti o per alcune varianti, anche la ricarica wireless.