Presentati in Italia LaCie 12big e 6big Thunderbolt 3, gli storage ultraveloci per i nuovi MacBook Pro

Presentati a Milano LaCie 12big e 6big Thunderbolt 3 con prestazioni da urlo e affidabilità top per i professionisti di video e foto: perfetti per i nuovi MacBook Pro. Reportage e fotogalleria di Macitynet

lacie-12big-e-lacie-6big-icon-800

Presentati in anteprima in aprile al NAB di Las Vegas LaCie 12big e LaCie 6big Thunderbolt 3 hanno di fatto anticipato di diversi mesi l’arrivo dei nuovi MacBook Pro che Apple ha lanciato a fine ottobre. Poche, forse nessun altra società, può presentare tecnologie e periferiche strettamente connessi al mondo Apple, prima ancora che i computer di Cupertino siano annunciati, un dettaglio di non poco conto che ha implicazioni interessanti.

La prima è nota a tutti: esiste un forte legame tra Apple e LaCie, una collaborazione effettiva che ha permesso di realizzare i nuovi storage Thunderbolt 3. Questo è meno noto al pubblico: ingegneri di Seagate e LacCie hanno lavorato a stretto contatto per assicurare il funzionamento completo, al massimo delle prestazioni e senza problemi con i computer della Mela di ultima generazione, con diversi mesi di anticipo rispetto all’annuncio dei prodotti.

LaCie 12big
La presentazione italiana è avvenuta oggi, giovedì 24 novembre a Milano, prima occasione per poter visionare nei dettagli specifiche e funzioni, oltre che per toccare con mano e provare personalmente LaCie 12big e LaCie 6big. Il design minimal con chassis interamente in alluminio non passa inosservato: si tratta di due periferiche con sviluppo verticale che hanno l’aspetto di futuristici monoliti.

La parte frontale è animata da suddivisioni orizzontali che sembrano un tutt’uno con lo chassis, ma che in realtà costituiscono i cassetti in cui sono ospitati i dischi fissi, tutti estraibili a caldo. Una riuscita fusione di estetica e funzionalità firmata da Neil Poulton, designer industriale di fama mondiale che vanta una lunga collaborazione con il costruttore: Macitynet intervistò Neil Poulton nel 2009 a Milano in occasione del lancio di diverse unità LaCie da lui disegnate.

Ma oltre al design c’è molta sostanza: con 12 e 6 slot per altrettanti dischi, il tutto abbinato al velocissimo Thunderbolt 3, queste unità rappresentano il top della proposta LaCie desktop per i professionisti e gli utenti super esigenti, come ha illustrato nel suo intervento di apertura Jerome Keller, Southern Europe Sales Director di LaCie. «Nel 2012 Seagate ha comprato LaCie per essere più presente in questo settore e anche per lo stretto legame con il mondo Apple. Di fatto LaCie rappresenta il marchio premium del gruppo Seagate».

LaCie 12big e 6big Thunderbolt 3: specifiche tecniche da urlo

Grazie ai dischi fissi Seagate di classe enterprise da 7.200 giri al minuto con capacità fino a 10 TB ciascuno, i nuovi LaCie 6big e LaCie 12big offrono capacità massime monstre, rispettivamente fino a 60TB e ben 120TB. Naturalmente la velocità di Thunderbolt 3, fino a 40 gigabit al secondo (il doppio rispetto a Thunderbolt 2) varia in funzione del numero dei dischi che lavorano in contemporanea, oltre che della modalità RAID impostata, così LaCie 12big arriva a ben 2.600 MB al secondo, mentre LaCie 6big fino a 1.400 MB al secondo.

Gli utenti che sono sul mercato per unità di questo tipo possono scegliere tra diverse capacità che partono da 24 TB, mentre la configurazione da 48 TB è disponibile per entrambi i modelli, in questo modo chi desidera prestazioni top può optare per il più veloce LaCie 12big rispetto al 6big. Dal punto di vista dei collegamenti le due unità sono identiche: ognuna infatti offre due porte Thunderbolt 3 per i collegamenti in cascata con altri dispositivi, periferiche e monitor, senza alcun degrado nelle prestazioni. A queste due porte si aggiunge anche una USB 3.1 (compatibile USB 2) che offre prestazioni sensibilmente inferiori (fino a 10 gigabit al secondo) ma che è stata inclusa per assicurare la massima connettività essendo una delle più diffuse in assoluto.

Entrambi i dispositivi possono essere configurati per lavorare in modalità RAID 0, 1, 5, 6, 10 e 50 (oltre che RAID 60 per LaCie 12big) a seconda delle esigenze di prestazioni e ridondanza dei dati, o entrambi, richiesti dall’utente. A Milano Colman Murphy, Presales Training & Support di LaCie, ha mostrato i nuovi dispositivi collegati a un PC Windows perché non era disponibile per tempo uno dei nuovi MacBook Pro, in ogni caso funzionamento e prestazioni risultano identici su entrambe le piattaforme.

Per semplificare la vita all’utente, che può non essere un esperto di storage RAID, il costruttore ha sviluppato il nuovo LaCie RAID Manager v2, software con interfaccia grafica curata e soprattutto molto semplice da usare che permette di gestire ogni aspetto dell’unità, dalla configurazione RAID iniziale, fino al regolamento fine delle prestazioni in base alle esigente e ai messaggi email per avvisi ed eventuali problemi.

La versione mostrata in funzione su PC è identica a quella per Mac: LaCie rilascerà un aggiornamento firmware che ottimizzerà il funzionamento con i nuovi MacBook Pro in tempo per la commercializzazione dei dispositivi. Il costruttore presenta LaCie 12big e LaCie 6big come le unità di storage desktop più capienti e anche come le prime unità RAID 5 Thunderbolt 3 compatibili anche con USB. Nella confezione oltre a un cavo Thunderbolt 3 per le prestazioni massime, è incluso un cavo USB-C 3.1 e anche un cavo adattatore da USB-C a USB-A per poter collegare le unità praticamente con qualsiasi computer in commercio, ovviamente con le prestazioni sensibilmente inferiori della tecnologia USB.

Tutto quanto visto finora si traduce in prestazioni reali sul campo che non temono confronti. Le unità sono progettate per le esigenze di filmaker indipendenti, freelance video, piccole società di produzione, professionisti del video, YouTuber professionisti e anche per i fotografi che richiedono massime prestazioni e grandi capacità di archiviazione. Non a caso il costruttore dichiara le prestazioni in relazione ai flussi di lavorazione video: per trasferire 1 ora di riprese Raw in risoluzione 4K occorrono 5 minuti con LaCie 12big e 10 minuti con LaCie 6big. In termini di capacità massima di archiviazione video, con il modello più grande si arriva fino a 140 ore di riprese e fino a 70 ore con l’unità più piccola.

Mentre LaCie 12big è ideale anche per chi già lavora con flussi video 5K e 6K, il 6big è più indicato per produzione in 4K. Con queste unità è possibile lavorare direttamente su flussi ProRes 444 XQ multipli, editare video HD 10-bit non compressi, riprodurre filmati RAW realizzati con videocamere RED e Blackmagic.

Disponibilità e prezzi

Dell’arrivo nel nostro Paese ha parlato Egle Cattaneo, Sales Manager Italia. I nuovi LaCie 12big e LaCie 6big saranno disponibili da dicembre con garanzia completa di 5 anni che include non solo i dischi fissi ma anche l’hardware. Saranno proposti già completi di dischi fissi Seagate di classe enterprise, non è invece prevista la commercializzazione come unità vuote popolabili con dischi dell’utente. LaCie 12big sarà disponibile con capacità da 48 TB, 96 TB e 120 TB a partire da 6.799,00 euro IVA inclusa, mentre LaCie 6big con capacità di 24 TB, 36 TB, 48 TB e 60 TB a partire da 3.199,00 euro IVA inclusa. Per ulteriori informazioni è possibile consultare questa pagina del sito del costruttore.

LaCie_12big-Hero-Right_400x400