Arriva il PIN per WhatsApp per chat blindate?

Presto un PIN per WhatsApp, per proteggere ulteriormente le conversazioni tra utenti. La scoperta da un gruppo di traduttori

imessage e whatsapp

A breve WhatsApp potrebbe diventare ancor più sicuro, come riferisce la redazione di AndroidAuthority, permettendo agli utenti di proteggere le proprie conversazioni di chat. La scoperta arriva da alcuni traduttori, che durante il lavoro di localizzazione dall’inglese all’olandese riportano frasi come “Enter the current six-digit passcode”.

Accanto alla nuova frase da tradurre, che lascia presagire la possibilità di bloccare le conversazioni con un PIN a 6 cifre, si scoprono anche nuove stringhe, che fanno riferimento al PIN digitato in modo non corretto, alla possibilità di riprovare a inserire il PIN, o ancora alla possibilità di inserire un codice email di ripristino.

pin per whatsapp

Insomma, sono diversi gli indizi sulla possibilità che il team WhatsApp decida di inserire una ulteriore protezione alle proprie chat, anche se naturalmente non è dato sapere se si tratta di una funzione che verrà inserita nel breve periodo. Né tantomeno è certo quali saranno le piattaforme a beneficiare di questa caratteristica, se solo Android, solo iOS, o entrambe.

Altro particolare interessante da notare, sempre suggerito da alcune stringhe di traduzione, è che la possibilità di inserire una mail di recupero sarà opzionale: gli utenti, cioè, avranno la possibilità di decidere se utilizzare uno strumento alternativo per recuperare, e modificare, il PIN impostato su WhatsApp.

Resta adesso da vedere se, e in quali modalità, il team WhatsApp deciderà di inserire il PIN, se in modo obbligatorio o facoltativo, se con supporto al touch ID di iPhone o meno. Inoltre, interessante notare come tra le stringhe manchi il riferimento ad un PIN più corto a quattro cifre. La scelta dei sei caratteri, evidentemente, serve a rendere ancor più impenetrabili le conversazioni di chat ad occhi indiscreti.

Questa volta la scoperta è certamente meno imbarazzante di quella scorsa, dove alcune stringhe di codice dell’app sembravano proprio insultare Apple, anche se poi si è scoperto essere un falso.

whatsapp 2