Il processore MacBook Air 2018 parente di quello dei MacBook 12″

I MacBook Air 13" con display Retina sono costruiti intorno ad un processore estremamente molto efficiente dal punto di vista del consumo, ma in cambio si deve accettare un compromesso sulle prestazioni.

MacBook Air 2018

Un consumo eccellente, barattato con una potenza ridotta. E’ questo l’assioma che ha regolato la scelta del processore dei nuovi MacBook Ai3 208 Nelle nuove macchine si trova infatti un processore Intel Core i5 di ottava generazione: un Intel Core i5 dual‑core a 1,6GHz (Turbo Boost fino a 3,6GHz) con 4MB di cache L3 della serie Amber Lake che si distingue per un assorbimento di energia molto interessante e capace di spingere l’autonomia oltre ogni altro laptop Apple, ma anche per prestazioni che, sulla carta, non sono al pari di quelle di un classico processore delle macchine portatili della Mela.

I dettagli in merito non arrivano ovviamente da Apple, ma dal sito AnandTech . Dalla pagina web che è specializzata in hardware e processori specificatamente, si apprende spiega che si tratta un processore di ottava generazione della serie Y (precedentemente nota con nome in codice Amber Lake) da 7W, annunciato ad agosto di quest’anno, parte di una famiglia di processori presentati come ottimizzati per la connettività e destinati a notebook sottili e leggeri.

Il processore dovrebbe essere con precisione un Amber Lake Core i5-8210Y, dual core, con tecnologia Hyper-Threading (ogni core esegue due thread simultaneamente) e GPU Intel UHD Graphics 617; quest’ultima consente di gestire schermi con risoluzione massima di 4096×[email protected], supporta DirectX 12, OpenGL 4.5 e permette di pilotare fino a tre schermi.

Specifiche MacBook Air

Apple aveva finora sfruttato per i MacBook Air processori della serie U da 15W ma i più recenti processori Intel Core i7, i5 e i3 di ottava generazione serie Y offrono migliorie dal punto di vista energetico, con un thermal envelope di 7 watt.

Dal punto di vista della potenza, come spiega il sito USA, la serie Y offre prestazioni inferiori rispetto alla serie U e non a caso sono indiziati di finire dentro ad un aggiornamento dei MacBook 12, ma vantaggi in termini di durata della batteria: Apple parla di batteria che può durare fino a 12 ore o anche 13 quando si guarda un film (le prove di Apple che misurano la durata della batteria fanno riferimento alla visione di contenuti HD a 1080p con luminosità dello schermo impostata al 75% o a 12 tacche dallo zero).

Di particolare interesse la connettività Gigabit Wi-Fi integrata, con supporto allo standard 802.11ac 2×2 160 MHz con velocità di picco di 1.733 Mbps, compatibile con IEEE 802.11a/b/g/n.