fbpx
Home iPadia iPad Accessori Recensione Bowers & Wilkins T7, cassa Bluetooth di design che suona al...

Recensione Bowers & Wilkins T7, cassa Bluetooth di design che suona al top

Bowers & Wilkins, una delle aziende più rispettate al mondo nel campo della musica, ha sempre dimostrato grande attenzione per l’universo Apple. È stata una delle prime a creare dei dock per iPod e successivamente ha prodotto Zeppellin, che potremmo definire il primo speaker di fascia alta per il mondo della Mela e anche uno dei primi in assoluto per i dispositivi mobili. Infine è stata leader con la versione AirPlay dello stesso Zeppelin. In questo scenario si è però tenuta stranamente distante dalla tecnologia Bluetooth e dal fattore di forma “mini” che oggi impera.  Questo fino al lancio del Bowers & Wilkins T7, un cassa che abbiamo avuto modo di provare nei giorni scorsi e che rientra a pieno titolo nel main stream, almeno quello delle dimensioni e delle tecnologie wireless, di oggi.

Il T7 com’è fatto
Prima di dire che cosa c’è dentro al Bowers & Wilkins T7, si deve dire che c’è fuori: un design originale e distintivo, classico di B&W, che qui anche in una dimensione ridotta (ma non troppo: 210 x 114 x 54 mm per circa 1 KG) appare, come gli A7 o il citato Zeppelin, come qualche cosa di del tutto diverso da quanto visto sul mercato. Pur in una forma che potrebbe apparire banale, in fondo si tratta di un parallelepipedo interamente nero e grigio, ci sono una serie di dettagli che lo rendono originale e molto intrigante. L’aspetto più evidente è la struttura semitrasparente con l’interno a nido d’ape che tiene sospeso il cuore elettronico e gli altoparlanti del T7. Bowers & Wilkins, che definisce questa tecnologia Micro Matrix, ci fa sapere che la cornice non ha solo un’evidente e molto pronunciata funzione estetica ma anche quella di assorbire le vibrazioni, rendere il suono più pulito e aumentare la stabilità dell’apparato in fase di riproduzione. Aspetto funzionale a parte, la cornice è sicuramente un tratto stilistico unico e, almeno al nostro gusto, un elemento di grande pregio che consente di fare del T7 un vero elemento d’arredo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Contribuiscono a questo ruolo anche i rifiniti e piacevoli pannelli in metallo brunito con griglie finissime (una traforata ovalmente sul retro e una più ampia sul fronte) per la diffusione del suono. Intorno una cornice in gomma opaca piacevole al tatto, benchè un po’ propensa a catturare la polvere, fornisce l’impressione di grande cura ai materiali, oltre ad avere anch’essa un aspetto funzionale antiscivolo. La cornice nasconde dei LED che segnalano l’operatività e la carica della batteria interna. Sul retro troviamo solo due prese dedicate “al pubblico”: una per collegare un jack 3,5 pollici e una per la ricarica. La porta MicroUSB non serve per alimentare la batteria ma solo per un eventuale aggiornamento del firmare. Un piccolo foro serve a resettare il dispositivo in caso di emergenza e cancellare i vari “paring” eseguiti.

All’interno ci sono due drive da 50mm realizzati in fibra di vetro e due radiatori passivi. Il tutto è gestito da un DAC derivato da quello dello Zeppelin. B&W supporta il codec aptX che dovrebbe garantire, in dispositivi compatibili (gli iPhone, gli iPad e i prodotti Mac non lo sono) ad una migliore qualità del suono.

Il Bowers & Wilkins T7 funziona grazie ad una batteria molto generosa, la più potente nella classe dei dispositivi portatili che abbiamo provato. Promette 18 ore di autonomia e non abbiamo difficoltà a credere ai tecnici della casa britannica: nel corso della nostra prova durata giorni, non abbiamo mai ricaricato il T7, calcolando 13 ore di riproduzione a volume medio basso; al momento in cui scriviamo il sistema segnala con due LED (su 5) accesi circa un 40% di energia residua, il che è sensazionale. È merito, almeno parzialmente, della scelta di non usare un caricabatterie USB ma di affidarsi ad una presa a muro, il che se da una parte riduce la comodità, dall’altra ha consentito a B&W di integrare una batteria ad alta capacità, senza costringere ad attendere una decina di ore per la ricarica.

Trattandosi di un prodotto Bluetooth, l’abbinamento avviene molto facilmente. Si accende l’altoparlante, accolti da un suono di benvenuto in alta qualità e poi si tiene premuto il tasto con il simbolo specifico. Il T7 ricorda ben 8 dispositivi Bluetooth e si connette ad essi senza esitazione, cercando nella sua lista il primo disponibile.

Non sono presenti tasti per il controllo delle tracce. Solo quelli (non troppo comodi e un po’ duri) per la pausa e la riproduzione e quello del volume. Un fattore limitante, ma che è presente in numerosi altri prodotti di questo tipo. Sul fianco troviamo il tasto di spegnimento ed accensione. Oltre i LED per il livello della batteria (sempre sul fianco) c’è un solo altro LED: quello che segnala l’abbinamento dell’accessorio ad un sistema Bluetooth.

Offerte Speciali

Il nuovo MacBook Air già in sconto di 120 euro su Amazon

Offerta MacBook Air: Amazon lo sconta di 100 euro

Su Amazon comprare il nuovo MacBook Air in sconto. Modello da 256 Gb a solo 1127,99 euro, circa 100 euro meno del prezzo ufficiale Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,359FansMi piace
94,742FollowerSegui