Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Proviamo Elephone A5, il terminale con tre fotocamere posteriori, notch frontale e scocca posteriore multicolore: è un buon acquisto?

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Anche il mercato degli smartphone cinesi low cost inizia a seguire le ultime tendenze nel campo dei moduli fotografici per smartphone. Come Huawei P20 Pro, Elephone A5 propone tre camere sulla parte posteriore, e due sull’anteriore, per un totale di 5 camere a bordo. Ecco come è andata la nostra prova.

Estetica

Elephone A5 ha un suo primo pregio nell’estetica. Si tratta di un bel terminale, che imita sulla parte posteriore il già citato Huawei P20 Pro. Non solo per la presenza di tre fotocamere, ma anche per la colorazione della scocca. Lo abbiamo testato in versione Aurora, quindi con una back cover che va dal blu al viola, cangiante a seconda dei riflessi di luce. La colorazione è molto bella, ma la brillantezza dei colori non è paragonabile a quella Huawei o Honor, che propongono riflessi molto più scintillanti.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

A livello estetico Elephone A5 propone dimensioni generose, ma comunque ben gestibili: misura 155 x 75,5 x 8,1 mm, con un peso non indifferente pari a 200 grammi. Il peso è comunque ben distribuito e in mano si tiene parecchio bene.

Ampio il display frontale, con notch silla parte alta, mentre la vera sorpresa arriva sul lato destro, dove oltre a bilanciere del volume e tasto accensione è presente anche un lettore di impronte digitali. Su quest’ultimo si tornerà in seguito. Altre gradevole sorpresa è la presenza del connettore USB-C sulla parte bassa: finalmente anche sui low cost inizia a sparire il vecchio connettore microUSB.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Presente anche il connettore jack cuffie standard da 3,5mm, caratteristica apprezzabile, anche se poi in confezione non sono presenti auricolari. Come già anticipato, altro elemento di spessore è la presenza di tre fotocamere sul retro, mentre sulla parte frontale ne svettano due.

Display

Punto a favore di Elephone A5 è l’enorme display, che ricopre quasi interamente il frontale. Si tratta di un buon pannello, con tecnologia IPS naturalmente, e un’ampia diagonale da 5,18 pollici. Lo schermo propone una risoluzione Full HD+ da 2160 x 1080, con una ottima densità di pixel pari a 400.

La qualità del display è molto buona, con colori molto accesi, buoni angoli di visione e neri che rimangono tali anche inclinando il dispositivo. Lo schermo presenta colori molto saturi, ma stabilire in astratto se sia un bene o un male non è possibile, dipende molto dai gusti dell’utente.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Le cornici sono ben ottimizzate: nulla di particolarmente estremo come in altri terminali, ma comunque anche da questo punto di vista Elephone A5 si fa ben apprezzare.

Caratteristiche tecniche

Oltre al display di cui si è già detto, con diagonale da 6,18 pollici e risoluzione 2246 x 1080 pixel, il terminale propone una CPU MediaTek Heilo P60 Octa core 2.0GHz con processo costruttivo a 12nm, una GPU Mail-G72 MP3, 4GB, 64GB di ROM espandibile fino a 512 GB tramite MicroSD, porta USB-C sul fondo e una batteria da ben 4000 mAh.

La connettività è affidata al modulo Wi-Fi 802.11 a / b / g / n / AC, dual-band, mentre a livello dati propone il supporto 3G, 4G, e il Bluetooth è di tipo 4.2. Non manca il GPS, che durante i nostri test ha agganciato il segnale in maniera stabile, anche se non è tra i più veloci di sempre.

Nel quotidiano si usa bene, anche se il terminale non è fulmineo. Elephone A5 è incerto, non troppo fluido, risponde bene, ma non è impeccabile, anche se tutte le applicazioni dell’universo Android si lasciano utilizzare senza alcun problema.

Abbiamo effettuato i test di routine con tutte le app social più usate, oltre a quelle di messaggistica, le email e altre di produttività, senza incorrere in alcun limite. Anche per lo streaming nessun problema: app come YouTube e Netflix funzionano senza alcun rallentamento, mentre l’ampio display permette di godere dei contenuti in modo piuttosto confortevole.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

L’audio è mono, il volume dello speaker elevato, senza presentare distorsioni macroscopiche, anche se mancano un po’ i bassi. Nel complesso l’audio è sufficiente, nulla di particolarmente eccellente, ma certamente godibile e non insufficiente.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

La batteria è da ben 4000 mAh. Non fa i miracoli, ma sicuramente permette di arrivare a sera con un uso intenso, avendo a disposizione ancora un buon 30% da utilizzare per il mattino successivo.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di dueIl touch ID, come si è detto, si trova sul lato destro, posizione che non in molti produttori hanno sposato. E’ comodo, perché il pollice finisce proprio lì quando si impugna il terminale, ma purtroppo non è tra i più precisi e reattivi.

Alle volte occorre posizionare il dito due o tre volte prima dello sblocco, mentre in altre occasioni risulta fulmineo. Evidentemente la qualità del sensore non eccelle, e l’ottimizzazione software non aiuta.

Fotocamera

E passiamo a quello che dovrebbe essere il reparto forte del terminale, con ben tre camere. La configurazione posteriore prevede 12.0MP + 5.0MP + 0.3MP. Non tutte e tre le camere servono a scattare: il terzo, infatti, è solo un sensore di profondità, che permette di scattare ritratti. Non solo, è possibile modificare la messa a fuoco anche dopo lo scatto, un po’ come accade sugli ultimi iPhone XS e XR.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Ovviamente, la qualità di scatto non è paragonabile ai top di gamma della Mela, ma Elephone A5 si difende in modo sufficiente. I terminali cinesi hanno sempre un problema con il reparto camera, molto spesso scadente.

Questa volta, invece, le foto che possono scattarsi con questo terminali sono gradevoli. Vi lasciamo giudicare con la solita galleria fotografica di test, alla quale non abbiamo applicato nessun effetto di post produzione.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Probabilmente, dove ci si poteva aspettare di più era proprio il comparto Ritratto, in considerazione della terza camera. I ritratti non sono molto accentuati, e l’effetto sfocato dietro non restituisce quella sensazione di tridimensionalità del soggetto in primo piano. In ogni caso, le foto sono davvero godibili. Giudicate voi.

Recensione Elephone A5, quando tre camere sono meglio di due

Software

Elephone A5 arriva con Android 8.1 a bordo e le patch di ottobre 2018. E’ personalizzato con alcuni temi del produttore, che a dire la verità risultano minimali e ben fatti. Per lo più colorate, le icone sembrano moderne e curate. E’ possibile eliminare i tasti virtuali a schermo, in favore delle classiche gesture stile iPhone X: funzionano, ma anche in questo caso non sempre risultano reattive.

Conclusioni

Elephone A5 è un terminale esteticamente gradevole, con una buona camera, soprattutto in rapporto al prezzo di listino, e con caratteristiche tecniche sufficienti. Di certo non è un top di gamma, e non mira nemmeno ad esserlo. La UI non è particolarmente fluida, ma si lascia ben utilizzare per tutti gli utilizzi. Buono il display, luminoso e con colori saturi, audio solo sufficiente.

Si acquista su GearBest a 200 euro circa, a seconda delle offerte in corso.

PRO

  • Esteticamente valido
  • buono il display
  • Autonomia
  • Gesture per navigare la UI
  • Foto sopra la media per un low cost…

CONTRO

  • …di poco sopra la media
  • Non una scheggia