Recensione Emporio Armani Connected, smart watch di alta moda

Emporio Armani Connected è uno smartwatch wearOS, cuore tecnologico e stile italiano

Recensione Emporio Armani Connected, smart di alta moda

Quando si parla di un marchio come Armani c’è sempre un po’ di riverenza, perché il buon Giorgione nostrano è ad oggi uno dei maggiori esponenti della classe italiana nel mondo: questo Emporio Armani Connected ne segue la linea per un prodotto sicuramente sopra le righe dal punto di vista di stile e immagine.

Recensione Emporio Armani Connected, smart di alta moda

Emporio Armani Connected, la recensione

Piena soddisfazione già dalla scatola

La linea Emporio Armani rappresenta il settore più giovanile e trendy della casa fondata da Giorgio Armani (che ha al suo attivo ben 11 marchi, più altre compartecipazioni in minoranza), ma conserva comunque tutti quei dettagli che hanno reso il marchio così distintivo nel mondo.

Questo lo vediamo sin da subito aprendo la confezione, dove un tripudio di velluto e metallo cromato ci fanno dimenticare, per un attimo, il cuore smart dello smartwatch.

La confezione, che è senza ombra di dubbio la più bella che abbiamo visto sinora nel mondo degli smartwatch, introduce l’Emporio Armani Connected come un modello non casuale, ma un prodotto voluto da chi lo cerca.

Nel nostro caso si tratta del modello ART5006, con cinturino in acciaio con chiusura pieghevole su cassa in acciaio da 42 millimetro, con display interno tondo da 30 millimetri e tre pulsanti laterali a ore 2, 3 e 4.

La dimensione del cinturino è generosa: nel nostro caso non abbiamo avuto problemi, data la dimensione del polso superiore alla media, ma per chi ha un polso più contenuto forse serve l’intervento di un orologiaio oppure del negoziante all’atto della vendita per una corretta indossabilità, operazione che difficilmente si può fare in autonomia.

Il peso dell’orologio è nella norma, considerato che si tratta di un modello con cassa e cinturino in acciaio: rispetto alla scorsa generazione di smartwatch curati da Fossil, questo  è sicuramente un passo in avanti, non fosse altro per la duttilità di wearOS e la presenza di due pulsanti in più che offrono comode scorciatoie, seppure non sono indispensabili.

Cuore wearOS

All’interno di Emporio Armani Connected batte un cuore wearOS di Google, sistema operativo che gli utenti di vecchia data conoscevano come Android wear: la compatibilità parla di (almeno) iPhone 5 con iOS 9 o altri smartphone con (almeno) Android OS 5.0.

Una volta acceso per la prima volta lo smartphone e scaricata l’App per iOS o Android, basta seguire le istruzioni a video (meglio se la prima installazione è effettuata sotto rete Wi-Fi), associare il proprio account prima all’App e poi allo smartwatch e, successivamente, aggiornare il tutto in base a quanto richiesto.

Recensione Emporio Armani Connected, smart di alta moda

Con noi tutto ha funzionato abbastanza bene, alcune operazioni hanno reso necessario attendere una mezz’oretta prima che il tutto si sistemasse, ma niente di impossibile e soprattutto alla portata dell’utente comune, anche se non ha mai avuto esperienze di smartwatch.

Recensione Emporio Armani Connected, smart di alta moda

Al polso, monitoraggio costante

Dal punto di vista hardware la novità più importante è senza dubbio la presenza del sensore del battito cardiaco, che offre una panoramica di certo più completa dell’attività quotidiana, comprensiva di passi, calorie bruciate, attività cardiaca (ma in questo caso la misurazione non può essere utilizzata a fini medici) e soprattutto medie e attività.

La gestione dei passi, delle calorie e delle medie tramite l’App è abbastanza semplice e chiara, anche se avremmo preferito una maggiore elasticità nella consultazione, come ad esempio più libertà nella scelta del giorno.

Ci è piaciuta però la possibilità di consultare il tutto dal portale di Google Fit, anche da Mac via browser, fattore comune a molti altri smartwatch (tranne Apple Watch, che su questo fattore non transige).

Emporio Armani Connected non è un orologio sportivo, questo lo si capisce subito dalla costruzione della cassa, dalle caratteristiche software e anche dal look, tuttavia non è di certo un modello che ha paura di buttarsi nella mischia: la tecnologia Swimproof gli permette di essere indossato anche in acqua mentre l’NFC integrato permette di gestire pagamenti tramite l’App Google Pay, possiede un GPS integrato per registrare le distanze durante le sessioni di allenamento e ovviamente integra anche Assistente Google per le info tramite voce.

Per quest’ultimo però dobbiamo ammettere che da una parte l’abbiamo trovato migliorato e più preciso che in passato, dall’altro però il riconoscimento vocale è un po’ lento e quindi poco utile.

Interessante l’App store integrato, dal quale possiamo attingere a una serie di App per svolgere compiti vari, tra cui le più interessanti si sono rivelate quelle relative alla corsa.

Anche in questo caso però il processore interno Qualcomm Snapdragon Wear 2100 permette di eseguire le operazioni, anche se per alcune App si è dimostrato al limite.

Ottima, puntuale, costante e completa la parte relativa alle notifiche, che appaiono sul display (con avviso aptico al polso) e permettono in alcuni casi anche un approfondimento. Su Android in alcuni casi è possibile rispondere, su iOS al momento no per limiti imposti da Apple.

Personalizzazione e batteria

Ovviamente uno dei motivi per cui si acquista uno smartwatch è senza dubbio la personalizzazione, in particolare in un modello come questo nel quale l’immagine riveste un ruolo molto importante.

Abbiamo trovato i quadranti presenti molto belli: quelli standard di WearOS non tanto, ma più che altro perchè sono già conosciuti da tempo, invece quelli esclusivi di Armani, spesso riproduzioni molto fedeli di famosi quadranti analogici, offrono un look esclusivo e interessante.

In molti casi l’utente stesso, una volta richiamato il quadrante (operazione che si fa tutta dallo smartwatch) può anche personalizzarlo ulteriormente per alcune fasi come ad esempio cambiare un colore o l’uso di una parte del quadrante ed, infine, salvarlo come preset da richiamarlo in un secondo momento.

Recensione Emporio Armani Connected, smart di alta moda
Molto bella (e comoda) la possibilità di leggere tutti i propri dati dalla consolle di Google Fit anche da Mac

Allo stesso modo il cinturino può essere cambiato con un altro cinturino standard: nel sito di Armani si trovano diverse soluzioni ma gli utenti possono utilizzare anche altri cinturini facilmente reperibili nel mercato.

La ricarica è, come la maggior parte dei modelli wearOS, a induzione grazie ad un caricabatterie USB-A incluso nella confezione.

La durata della batteria è stimata in un giorno: utilizzandolo poco è possibile arrivare alla mattina successiva, ma poi va ricaricato. La ricarica però è molto veloce, un’ora per portare Emporio Armani Connected da 0 a 100%.

Recensione Emporio Armani Connected, smart di alta moda

Considerazioni

Emporio Armani Connected è un buon smartwatch, perché ha una ampia personalizzazione in un look sicuramente di classe, offre una costruzione robusta e può essere indossato, letteralmente, ovunque, dall’ufficio alla palestra, dal salotto alla piscina.

La compatibilità è buona con iPhone e Android, con il punto di vista che la maggior parte delle cose le dovete fare sul quadrante dell’orologio invece che sull’App, che serve più che altro all’abbinamento e al trasporto dei dati sui server, a cui si può attingere poi anche via web.

La durata della batteria è consona all’uso: gli unici lati negativi che possiamo segnalare sono una potenza di calcolo che a tratti “chiama” un po’ di più e il prezzo, di certo non caro per un prodotto griffato Armani ma un po’ per uno smartwatch medio wearOS.

Detto fatto, questo orologio è pensato per chi vuole lo stile Emporio Armani al polso ma non vuole rinunciare alle notifiche, al controllo dell’attività e ad una personalizzazione che un modello analogico ovviamente non può offrire.

Pro:
• Costruzione robusta e look Armani
• Ampia personalizzazione

Contro:
• La potenza di calcolo andrebbe aumentata
• Un po’ caro

Prezzo: 419,00 Euro

I lettori possono trovare Emporio Armani Connected presso il sito della casa madre, in diverse gioiellerie e punti vendita nella penisola, oltre che online su Amazon.it.