Home News Windows 10, ecco quello che non ci sarà

Windows 10, ecco quello che non ci sarà

Microsoft prepara per il 29 luglio lo sbarco ufficiale di Windows 10 incoraggiando con una notifica nella task bar gli utenti di Windows 7 e Windows 8.1 a scaricare il loro aggiornamento gratuito. La Casa di Redmond è nel frattempo impegnata a evidenziare le novità ma ci sono alcune caratteristiche e funzionalità che non saranno integrate nel nuovo sistema operativo e altre ancora che potrebbero piacere meno (es. l’impossibilità di disattivare gli aggiornamenti automatici in Windows 10 Home).

Tra i software ai quali si dovrà dire addio, The Verge indica il Windows Media Center (un centro d’intrattenimento che permette di guardare e registrare programmi TV, creare presentazioni di foto, ascoltare i brani musicali presenti nella raccolta Musica e riprodurre CD e DVD), il gioco di carte Hearts, i gadget per il desktop di Windows 7 (Calendario, Orologio, Meteo, Titoli, ecc.).

Per usare un floppy disk sarà necessario installare dei driver (non sono presenti di serie i driver per gestire i drive per floppy disk), e per guardare un DVD sarà necessario ricorrere a un software di terze parti. Opzioni specifiche per la gestione dei DVD arriveranno “più avanti nel corso dell’anno” secondo quanto ha dichiarato su Twitter Gabriel Aul, manager di Microsoft.

Oltre alle assenze di alcuni software, alcune funzionalità saranno limitate. Cortana, ad esempio, al lancio sarà disponibile in Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Francia, Italia, Germania e Spagna. Windows Hello (un sistema di autenticazione biometrica che consentirà di sbloccare il computer con il viso) sarà sfruttabile solo con telecamere a infrarossi o lettori d’impronte digitali dedicati.

Le app Xbox Music e Xbox Video per la riproduzione in streaming saranno limitate dai tipicamente complessi meccanismi di licensing regionali.

Forse la più irritante  delle limitazioni è l’impossibilita di disattivare gli aggiornamenti. Le versioni Pro ed Enterprise permetteranno entrambe di differire gli update; in Windows 10 Home, invece, non c’è la possibilità di saltare gli aggiornamenti, un meccanismo non sempre comodo come sembrerebbe.

Per quanto riguarda i requisiti minimi di sistema, basteranno PC o tablet con caratteristiche non troppo complesse: processore da 1GHz, 1GB di memoria RAM, 16GB di spazio e un display con risoluzione da 1024×768. Le specifiche sono più esigenti per le varianti a 64 bit: almeno 2GB di RAM, 20GB di spazio libero.

Windows 10

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,937FansMi piace
93,807FollowerSegui