Adobe festeggia 25 anni di Premiere, il software che ha rivoluzionato il video digitale

Compie 25 anni Adobe Premiere Pro, capostipite dei software di editing video, sempre più ricco di strumenti per montaggio ed elaborazione dei filmati. Si celebra con un concorso, in palio 25.000 dollari

[banner]…[/banner]

Gli inizi degli anni ’90 sono stati una rivoluzione per vari settori, incluso quello dell’editing video digitale, legato alle produzioni TV, di film e alla produzione video in generale. La prima versione di Premiere arrivò nel 1991: anziché un tradizionale (e costosissimo) sistema di editing con hardware di vario tipo era possibile sfruttare computer molto meno costosi. L’utente aveva a disposizione una timeline sulla quale era possibile inserire clip, effetti, transizioni, tracce audio. Sembrano banalità oggi ma per gli standard di allora si trattava di un evento rivoluzionario, una novità in grado di aprire un po’ a tutti il mondo della narrazione visiva.

https://youtu.be/c1502UWGAfs

“Ricordo di quanto ero sdraiato sul pavimento del salotto, editando i video con il mio PowerBook, qualcosa che in precedenza era impossibile” ricorda Dave Helmly, un veterano della software house che ancora oggi fa parte del team Adobe video; “Premiere è stato il primo editor non-lineare abbordabile, alla portata di tutti”.

Gran parte del merito del successo di Premiere fu anche di Apple: quando venne introdotto QuickTime per l’integrazione di elementi audio e video nei software Mac si avvertì la necessità di avere un programma che permettesse di elaborare e montare i filmati prodotti secondo il nuovo sistema. Non passò molto tempo e Adobe presentò Premiere, applicazione che consentiva di elaborare i filmati QuickTime, offrendo la possibilità di montare e preparare video digitali QuickTime passando direttamente al riversamento su nastro analogico. Premiere portò ben presto al Desktop Video, integrando nel corso del tempo funzioni sempre più avanzate: gestione 60 fps, risoluzioni 4K, funzionalità avanzate per il missaggio audio, l’integrazione con After Effects e moltissimo altro ancora.

Per celebrare questo anniversario, Adobe ha preparato il contest “Make the Cut” (a questo indirizzo i dettagli) offrendo a chiunque la possibilità di lavorare sul video di “Believer,” nuova hit della band Imagine Dragons. Il premio in palio per il vincitore che lavorerà sul materiale con Premiere Pro CC è di 25.000 dollari.

Premiere diede il via anche alla nascita di concorrenti, con storiche battaglie prima con le soluzioni Avid ma in seguito anche con Apple (Final Cut fu acquisito da Macromedia, creato in gran parte da Randy Ubillos… il papà delle prime tre versioni di Premiere).