fbpx
Home Hi-Tech Android World Apple contro il disegno di legge in Arizona che erode App Store

Apple contro il disegno di legge in Arizona che erode App Store

Pochi giorni fa in Nord Dakota il disegno di legge che avrebbe spianato la strada ai negozi digitali di app alternativi è stato bocciato, ma iniziative simili proseguono in Minnesota e in Arizona: proprio in quest’ultimo stato sia Apple che Google stanno facendo tutto il possibile per contrastare il disegno di legge indicato con la sigla HB2005.

In questo caso l’obiettivo è più limitato perché non si parla di app store alternativi, ma semplicemente di garantire la possibilità agli sviluppatori di utilizzare sistemi di pagamenti in-app diversi da quelli obbligatori di Apple e Google. La minor portata del disegno di legge in Arizona e la grande attenzione focalizzata sull’enorme potere dei colossi della tecnologia, in USA ma anche in numerose altre nazioni, aumenta le probabilità che la proposta venga approvata nelle discussioni alla Camera e nel Senato in programma nei prossimi giorni.

Per questa ragione non sorprende che Apple e Google abbiano già contattato diversi rappresentati dell’Arizona, inclusi politici e dirigenti pubblici, per sostenere la propria posizione nel tentativo di incrementare i voti contrari al disegno di legge.

Apple contro il disegno di legge in Arizona che erode App Store

A questo scopo Apple ha già attivato Rod Diridon che in passato si è occupato per Cupertino del diritto alla riparazione. Secondo quanto riferisce Protocol Apple ha assunto anche Kirk Adams, ex capo personale del governatore dell’Arizona Doug Ducey e portavoce della Camera dei rappresentati dello Stato. Gli avvocati di Apple e Google hanno già evidenziato che il disegno di legge è incostituzionale.

La scorsa settimana durante un’audizione Kyle Andeer, chief compliance officer di Apple, ha dichiarato che se il disegno di legge HB2005 in Arizona venisse approvato «Consentirebbe agli sviluppatori da miliardi di dollari di prendere gratuitamente tutto il valore di app store, anche se vendono beni digitali, anche se realizzano milioni o miliardi di dollari. Il disegno di legge è un mandato del governo che [obbliga, ndr] Apple a regalare app store».

Rimuovere l’obbligo per gli sviluppatori di usare i sistemi di pagamento di Apple e Google significa minare una grande fetta del fatturato dei servizi di entrambi i colossi. Il disegno di legge in Arizona è stato proposto sulla spinta della Coalition for App Fairness, l’associazione di cui fa parte Epic, Spotify e diversi altri sviluppatori in contrasto con Apple, una iniziativa nata dallo scontro legale tra Apple ed Epic per il caso Fornite. L’associazione sta facendo pressioni per disegni di legge simili in altri stati: la decisione in Arizona è seguita e attesa non solo da diversi altri stati USA ma anche nel mondo. In diverse nazioni sono in corso indagini antitrust su Apple e su App Store in particolare.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Fortnite sono disponibili da questa pagina, invece per quelli relativi ad Apple e Google si parte dai rispettivi collegamenti.

Offerte Speciali

iPhone 12 in sconto, a rate senza interessi e spedito subito su Amazon: 869 euro

iPhone 12 al minimo Amazon: 849 € per il 128 GB, 779 € per il 64GB

In super sconto oltre il 10% e al prezzo minimo i modelli da 64 e 128 GB di iPhone 12 in colore rosso.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,831FansMi piace
93,204FollowerSegui