fbpx
Home iPhonia il mio iPhone Apple risponde alle critiche di Facebook sui meccanismi di anti-tracciamento pubblicitari

Apple risponde alle critiche di Facebook sui meccanismi di anti-tracciamento pubblicitari

Facebook sta da qualche tempo attaccando Apple per l’intenzione di attivare in iOS 14 e iPadOS 14 funzioni che obbligheranno tutte le app a ottenere l’autorizzazione da parte dell’utente prima di avviare il tracking.

L’iniziativa di Apple è stata lodata da Mozilla (invitando a firmare un appello per dimostrare il proprio appoggio alle scelte di Apple) ma non piace a all’azienda di Mark Zuckerberg che è arrivata ad affermare che tutto ciò che è basato sull’advertising è “minacciato” dai cambiamenti imposti da Apple.

Facebook continua ad attaccare Apple e pochi giorni addietro ha fatto pubblicare pagine intere di pubblicità a pagamento sui giornali USA per affermare che i cambiamenti voluti dalla Casa di Cupertino sarebbero un male per le piccole imprese. “Se limitare le modalità di personalizzazione degli annunci può avere avere impatto su grandi aziende come la nostra ma questi cambiamenti saranno devastanti per le piccole attività”, afferma Facebook nella pubblicità. Il social afferma che impedire la targetizzazione degli annunci porterà ad un rallentamento nelle vendite fino al 60%, rispetto a quanto possibile ottenere con la possibilità di targetizzare le pubblicità.

Apple ha risposto alle critiche di Facebook e in una dichiarazione inviata a MacRumors riferisce: “Riteniamo che si tratti di una semplice questione di difendere i nostri utenti”, ribadendo che gli utenti “devono sapere quando i loro dati vengono raccolti e condivisi con altre app e siti web – e devono avere la possibilità di scegliere se condividerli o meno”. L’opzione che permetterà agli utenti di accettare o negare il tracciamento sarà mostrata con un messaggio che apparirà quando necessario se l’utente apre l’app.

Apple spiega che la tecnologia denominata “App Tracking Transparency” integrata in iOS 14 non richiede a Facebook di apportare modifiche e l’approccio ai suoi meccanismi di tracciamento degli utenti per la creazione di annunci targetizzati, “viene semplicemente offerta all’utente la possibilità di scegliere”.

Apple evidenzia che non vi sarà alcun blocco nei meccanismi di advertising e non impedirà il tracking se l’utente accetterà esplicitamente questi meccanismi, offrendo semplicemente maggiore controllo e trasparenza. Gli annunci pubblicitari possono essere invasivi e, in quanto tali, ritiene che l’utente abbia il diritto di scegliere i permessi da accordare alle varie app. Apple spiega ancora che aziende come Facebook potranno modificare il testo del messaggio che appare agli utenti per consentire l’attività di tracking.

Apple risponde alle critiche di Facebook sui meccanismi di anti-tracciamento

Nelle Impostazioni dell’app, l’utente può verificare quali app hanno chiesto il permesso di tracking per scopi di advertising e modificare queste impostazioni. Dei cambiamenti in questione dovranno tenere conto tutti gli sviluppatori, compresa Apple stessa. Non è una novità dell’ultima ora ma è un cambiamento che era previsto da anni nella roadmap della Casa di Cupertino.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB GB , minimo storico: 1018 euro

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 1TB GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1018 euro, quasi il 25% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui