fbpx
Home Macity Voci dalla Rete Apple sperimenta lenti per il visore di realtà aumentata

Apple sperimenta lenti per il visore di realtà aumentata

Grazie a una corposa serie di anticipazioni emerse negli ultimi giorni, comincia a perdere forma il progetto che porta agli occhiali Apple AR, il cui sviluppo pare abbia appena fatto un altro passo in avanti: sette mesi fa si scopriva che un primo prototipo era in produzione negli stabilimenti di Foxconn mentre secondo le indiscrezioni odierne, il progetto starebbe andando avanti e da pochi giorni sarebbe partita la produzione delle lenti che, in collaborazione con TSMC, dovrebbero essere impiegate sul visore Apple di realtà aumentata e virtuale.

Il tutto si starebbe svolgendo all’interno di un laboratorio segreto nel distretto di Longtan, nella città di Taoyuan, nel nord del Taiwan. Si trova a pochi passi dall’avanzato impianto di collaudo e confezionamento di chip di TSMC, che si trova all’interno dello stesso parco scientifico. Apple ha registrato una società in quest’area nel 2014 e l’ha ampliata lo scorso anno. Il complesso all’interno del quale si starebbero svolgendo questi esperimenti è composto da diversi edifici piuttosto anonimi, con pareti bianche e senza un logo o un indirizzo posto all’esterno. Secondo i giornalisti di Nikkei, che hanno avuto modo di visitarlo di recente, ci sarebbe soltanto «Un debole logo della Mela nella hall».

In questa struttura Apple, insieme alla sopracitata fabbrica di semiconduttori, avrebbe sviluppato una tecnologia «ultra avanzata» per le lenti del visore. Si parla di micro OLED, un tipo di display radicalmente diverso rispetto agli schermi LCD di smartphone e TV e agli OLED usati dagli smartphone di fascia alta. Queste due tecnologie infatti prevedono la costruzione dei pannelli su substrati di vetro mentre il micro OLED sarebbe costruito direttamente sui wafer (i substrati su cui sono fabbricati i semiconduttori) ottenendo così display molto più sottili, piccoli e con consumi energetici ridotti, tutte condizioni – spiegano – che si sposano bene con i dispositivi AR indossabili.

Le lenti Apple AR testate presso Foxconn e TSMC

Parliamo di display che, in questa fase di sviluppo, hanno dimensioni inferiori al pollice (un pollice equivale a 2,54 centimetri). Il progetto micro OLED di cui è appunto partita la produzione di prova è lungi dall’essere pronto per la commercializzazione: secondo le fonti ci vorranno diversi anni prima di poter raggiungere la produzione su larga scala. Secondo le voci Apple avrebbe assunto dozzine di veterani della taiwanese AU Optoelectronics per lavorare al progetto micro OLED, affiancandoli ad esperti di tecnologie per display provenienti dal Giappone e altrove. Pare che chi accetta il lavoro deve firmare un rigoroso accordo di non divulgazione che vieta persino di incontrare amici o conoscenti che lavorano nel settore tecnologico.

Parallelamente a questo progetto, si dice che Apple stia lavorando anche sulla tecnologia micro LED – con l’intento di impiegarla poi sugli schermi per Apple Watch, iPad e MacBook – tanto che disporrebbe di due linee di produzione separate per entrambe le tecnologie. Nello sviluppo sarebbe coinvolta anche la società taiwanese Epistar esperta nelle tecnologie LED. Anche in questo caso ci sono delle somiglianze con quanto appena scritto a proposito del micro OLED. Ad esempio, i componenti per il micro LED sarebbero 100 volte più piccoli di quelli utilizzati nei prodotti con illuminazione a LED e non necessitano di moduli di retroilluminazione come avviene con i tradizionali pannelli LED e LCD, il che significa anche qui che il display può essere molto più sottile.

Come al solito non è detto che tutte queste tecnologie saranno introdotte o utilizzate effettivamente nei prodotti Apple. La società potrebbe semplicemente brevettarle come azione strategica per il futuro, in modo da ottenere «un maggiore controllo sulle tecnologie di prossima generazione».

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Applerealtà aumentata e realtà virtuale sono disponibili ai rispettivi collegamenti

Offerte Speciali

MacBook Air 2019 vs MacBook Air 2020, specifiche a confronto

Minimo storico per MacBook Air M1 256 GB: 1037,00 €

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac in offerta con uno sconto al 10% su Amazon. Tanta velocità per il nuovo MacBook Air M1
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,831FansMi piace
93,206FollowerSegui