iPhone 11 non attizza la Cina, attese vendite sottotono

Non ha il 5G e seppur costi meno non è abbastanza se confrontato coi concorrenti: Cina e India snobbano iPhone 11 e le vendite ipotizzate calano vertiginosamente

iPhone 11 non attizza la Cina: attese vendite sottotono

Chi vuole iPhone 11? Certamente non la Cina e l’India, due dei mercati in precedenza considerati tra i più promettenti per Apple, ma anche molto sensibili all’incremento dei prezzi dei terminali. Proprio per tale ragione, potrebbero influire negativamente sul numero di unità vendute nel corso dell’anno a venire. E’ quanto sostengono diversi analisti che avrebbero dato uno sguardo ai commenti pubblicati degli utenti dei sopracitati paesi sui social network subito dopo la presentazione dei nuovi iPhone conclusasi ieri sera.

Nel complesso c’è un generale malcontento verso il successore di iPhone XR che, sebbene venga proposto a un prezzo iniziale inferiore rispetto a quello dello scorso anno, manca di quell’appetito per spingere le vendite.

Quel che viene infatti criticata è soprattutto la mancanza del 5G, connettività che dovrebbe essere disponibile soltanto sulla linea iPhone del 2020. Insomma iPhone 11 è «Meno attraente del previsto e sicuramente non a prova di futuro» specialmente se lo si raffronta ai concorrenti che offrono il 5G e costano perfino meno (uno dei tanti commenti pubblicati su Weibo recita «Dato che dobbiamo ancora aspettare un anno per il 5G, tanto vale acquistare un telefono Huawei domani»).

iPhone 11 non attizza la Cina: attese vendite sottotono

Per tale ragione gli analisti ritengono che il nuovo dispositivo possa influire negativamente sulle vendite di iPhone visto che i due mercati più fertili del momento: secondo gli analisti Apple in Cina potrebbe venderne intorno ai 30-35 milioni di unità, che sono circa la metà se raffrontati ai 63 milioni di iPhone venduti nel 2015.

Uno dei problemi maggiori in questo senso è dato da WeChat, una applicazione molto diffusa nel paese, quasi una sorta di “sistema operativo dentro il sistema operativo” in grado di sostituire gran parte delle funzionalità del telefono. Poiché non ci sono differenze nell’app tra un dispositivo e l’altro per molti utenti non ha senso spendere di più per un iPhone quando magari con un terzo del prezzo hanno comunque tra le mani un dispositivo affidabile e capace di far funzionare senza problemi tale applicazione.

Ma anche in India le cose non dovrebbero andare poi così bene «Non credo che i clienti sceglieranno iPhone 11 soltanto perché ora ci sono due fotocamere anziché una» ha dichiarato Navkendar Singh, direttore di IDC India. Tra l’altro nel Paese al momento la quota di mercato di Apple si attesta solo all’1% e pare che si debba ancora fare molta strada per cambiare le cose.

Tutto quello che c’è da sapere su iPhone 11 è riassunto in questo articolo, rimandiamo invece a questo articolo per iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max.