Home Hi-Tech Droni e UAV L'esercito USA vuole creare un sistema di ricarica droni autonomo

L’esercito USA vuole creare un sistema di ricarica droni autonomo

L’ esercito americano sta cercando di costruire un sistema di ricarica autonomo in grado di supportare centinaia di droni. Ha finanziato un progetto di ricerca quadriennale con l’obiettivo finale di equipaggiare i veicoli a terra con stazioni di ricarica così da permettere ai droni un volo realmente autonomo.

L’Università dell’Illinois di Chicago ha ottenuto un contratto da 8 milioni di dollari dal Laboratorio di ricerca dell’esercito del Combat Capabilities Development Command. I ricercatori lavoreranno su un sistema che consentirà ai piccoli droni di determinare la posizione della stazione di ricarica più vicina, di viaggiare lì e di ricaricarsi prima di tornare alla loro missione in volo. L’università sta lavorando su algoritmi per aiutare i droni a determinare il percorso migliore per una stazione di ricarica.

L’esercito USA vuole creare un sistema di ricarica droni autonomo

Ecco come ha commentato la vicenda il Dr. Mike Kweon, program manager per il Versatile Tactical Power and Propulsion Essential Research Program dell’Esercito Research Laboratory:

Immagina in futuro, l’esercito dispieghi uno sciame di centinaia o migliaia di sistemi aerei senza equipaggio. Ciascuno di questi sistemi ha solo circa 26 minuti di autonomia con le attuali tecnologie delle batterie per condurre una missione di volo e tornare a casa prima di perdere la carica della batteria, il che significa che tutti potrebbero tornare contemporaneamente per sostituire le batterie

Senza le stazioni di ricarica, i soldati avrebbero bisogno di trasportare migliaia di batterie in missione, il che non è davvero un’opzione praticabile. L’uso di un sistema di ricarica autonomo significherebbe anche che i soldati non dovrebbero sostituire le batterie manualmente.

I ricercatori finanziati dall’esercito svilupperanno anche mini sensori del livello del carburante per droni più grandi. Ciò consentirebbe ai futuri droni di funzionare parzialmente a benzina e rilevare quando stanno esaurendo il carburante, secondo DroneDJ. I dispositivi potrebbero quindi tornare alla base per fare rifornimento o ricaricarsi prima che la batteria si esaurisca completamente.

Lo stesso Kweon prosegue:

Questa ricerca è fondamentale non solo per i veicoli aerei ma anche per i veicoli terrestri, in particolare per le missioni dell’esercito. Il sensore del carburante dirà all’operatore quale tipo di carburante viene erogato dal serbatoio del carburante al motore. Questo segnale di ingresso può essere utilizzato per indicare in modo intelligente al motore di regolare i parametri di controllo del motore in base al tipo di carburante per evitare guasti. Questi dati possono essere utilizzati anche per trovare guasti alla radice se un componente del motore si guasta prematuramente

Se siete interessati al mondo dei droni, trovare tutte le notizie al riguardo direttamente a questo indirizzo.

Offerte Speciali

iPhone 11 e Pro resistono all’acqua molto più di quanto dichiara Apple

Amazon stronca il prezzo di iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max: prezzi da 869 euro

Offerta su iPhone 11 Pro su Amazon. Modello da 256 Gb a solo 1169,99 euro invece che 1359 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,824FollowerSegui