L’Intelligenza Artificiale con Apple Watch individua disfunzione ventricolare

Prevenzione della fibrillazione atriale con Apple Watch: più di 4.300 ECG in due giorni

Ricercatori della Mayo Clinic hanno sviluppato un algoritmo in grado di sfruttare l’elettrocardiogramma (ECG) tracciato con Apple Watch per individuare pazienti con disfunzione ventricolare sinistra.

La disfunzione sistolica del ventricolo sinistro si verifica quando la contrazione (sistole) del ventricolo che pompa il sangue dal cuore verso il resto del corpo diventa debole. È un problema che riguarda dal 2% al 3% delle persone nel mondo e fino al 9% delle persone con più di 60 anni. Al pari della fibrillazione atriale, ritmo irregolare che è possibile individuare con Apple Watch, anche la disfunzione ventricolare sinistra è in molti casi difficile da individuare da soli e può verificarsi in una fase anche a lungo asintomatica caratterizzata dalla presenza di alterazioni strutturali e funzionali del ventricolo sinistro, per terminare con la comparsa dei sintomi che possono condurre a severa disabilità ed alla morte.

Paul Friedman, presidente del Dipartimento di Medicina Cardiovascolare presso la Mayo Clinic di Rochester (Minnesota) riferisce come “assolutamente notevoli” i risultati ottenibili combinando l’IA e l’ECG per rilevare la condizione, qualcosa che normalmente richiede un ecocardiogramma, la tomografia computerizzata o una risonanza magnetica.

Apple Watch consiglia un intervento salva vita ad un uomo di 48 anni

L’Apple Watch consente di tracciare un ECG registrando la frequenza e l’intensità dei segnali elettrici che producono il battito cardiaco e controllare successivamente la registrazione per verificare la presenza di fibrillazione atriale (una forma di alterazione del ritmo cardiaco). Dettagli sul ritmo sinusale e frequenza cardiaca ridotta o elevata possono essere condivisi con il proprio medico.

Per verificare la possibilità individuare disfunzioni ventricolari, i ricercatori hanno catalogato i dati di 125.610 ECG in sei mesi su 46 stati e 11 nazioni. Ogni persona che ha deciso di partecipare, ha condiviso i propri dati, e risultati di successive elaborazioni sono stati confrontati con procedure standard che prevedono l’uso di ultrasuoni riflessi, verificando che è possibile determinare la presenza di alterazioni strutturali e funzionali del ventricolo sinistro, alla stregua di quanto è possibile fare seguire test da sforzo sul tapis roulant usato dai medici. Saranno effettuati ulteriori test e studi ma i risultati sono incoraggianti e Friedman parla di questa possibilità come qualcosa in grado di trasformare la medicina, grazie a strumenti di diagnosi a buon mercato, che permettono di individuare condizioni gravi dal proprio divano.

Articolo precedenteAugury è il nome di una vulnerabilità nei chip Apple Silicon
Articolo successivoMeta, il visore VR Cambria sarà un portatile per il volto