Recensione: nuovo iPod nano touch, il meglio del passato in un nuovo stile

Macitynet mette alla prova in una approfondita recensione il nuovo iPod nano touch di settima generazione. Tutte le funzioni del modello più recente passate al vaglio di una prova sul campo per dare una risposta alla domanda più classica: è il miglior iPod nano mai prodotto?

Recensione: nuovo iPod nano touch, il meglio del passato in un nuovo stile
L'iPod nano si avvia con una schermata del colore del case del dispositivo

Quando Apple lancia un nuovo prodotto non lesina certo sugli aggettivi e sulle iperboli. Una delle più comuni fa riferimento al “miglior X mai creato”, la dove al posto della X ci si può mettere il nome di qualunque creazione della Mela, iPad, iPhone, Mac, iMac e anche iPod. Con il lancio dell’iPod nano di settima generazione (dalla sesta è diventato anche touch) ci possiamo chiedere se davvero siamo di fronte al miglior nano mai costruito. Per provare a rispondere, Macitynet ha messo alla prova il nuovo modello (179 euro, 16 GB in vendita su Apple Store e tutti i rivenditori Apple), ultima generazione di un prodotto venerabile che forse si avvia verso il tramonto perdendo la ragione stessa di esistere almeno nella sua forma attuale ma che ha ancora una lunga serie di estimatori.

Lo scopo che ci siamo prefissi, in particolare, è capire quanti passi avanti sono stati fatti rispetto al controverso modello di sesta generazione e se il ritorno alla forma rettangolare che avevano i modelli di quarta e quinta generazione è stato accompagnato da qualche novità di sostanza capace di cambiare la fruibilità del player e adeguarlo all’era attuale della tecnologia.

Confezione e finitura
Vi rimandiamo alla nostra completissima galleria dell’unpackaging per analizzare da vicino tutti i dettagli della confezione e del prodotto.

ipod nano touch 7G