HomeRecensioniRecensione SJ4000, la GoPro per tutti a 69 euro

Recensione SJ4000, la GoPro per tutti a 69 euro

In un mondo che va sempre più verso la condivisione e la pubblicazione online di foto e video della propria vita, l’action camera diventa ogni giorno più interessante anche agli occhi dell’utente consumer che vuole poter registrare una nuotata al mare, una discesa in mountain bike, un’arrampicata, o anche soltanto una festa di compleanno o una vacanza in campagna.

La più diffusa tra tutte quelle ad oggi conosciute è senz’altro la GoPro che però interessa, per via del prezzo – di diverse centinaia di euro – una fetta di mercato più ristretta. Se è vero che di recente è stata lanciata la GoPro “economica” da 130 euro; questa però, rispetto alle altre, è limitata nell’uso e nelle funzioni. La SJ4000  più nota come Qumox Sj4000, anche si trova in commercio anche con molti nomi diversi ribrandizzata, visto che il produttore SJCam la cede a diversi vendors, che la nostra redazione ha avuto invece modo di mettere alla prova nelle scorse settimane è molto più simile alla GoPro Hero 2 come qualità di ripresa, paragonabile alle più recenti GoPro Hero 3 per la compatibilità con gli accessori e per le funzioni integrate ma soprattutto, rispetto anche alla più economica, costa molto meno.

Recensione SJ4000

SJ4000 com’è fatta

Questa action cam è molto popolare su vari siti on line dove è la più venduta nella categoria di queste speciali videocamere. Disponibile in diversi colori, è custodita all’interno di una scatola da esposizione in cartone con inserto trasparente che lascia intravedere la camera già custodita all’interno della custodia subacquea. All’interno troviamo un vero e proprio arsenale di accessori, che vanno da quello per l’aggancio al casco di bici e moto a quello per il manubrio della bicicletta e molto altro ancora.

La camera viene facilmente confusa con una GoPro per via della notevole somiglianza nell’aspetto estetico. Tuttavia, differisce ad esempio nel retro, dove troviamo un piccolo e comodissimo display LCD per aggiustare l’inquadratura durante le riprese o controllare il vasto menù di cui parleremo in seguito.

E’ molto piccola, misura 5,8 x 4 x 1,9 centimetri e pesa appena 60 grammi ed è semplice nella gestione in quanto c’è solo un grosso tasto frontale che accende/spegne la camera con la pressione prolungata o permette di passare da una modalità all’altra attraverso la singola pressione; il tasto OK sul bordo superiore permette di avviare/fermare la riproduzione video, scattare foto o confermare le varie opzioni che si selezionano attraverso i due tasti SU e GIU che troviamo su un lato della camera. Dall’altro troviamo invece l’ingresso microUSB per la ricarica, l’uscita HDMI per collegarla ad un monitor esterno e l’ingresso microSD per inserire la scheda sulla quale saranno salvati i file.

SJ4000, gli accessori

E’ questo uno dei punti di forza della SJ4000 se la si paragona alla concorrenza in quanto, acquistando una GoPro, gli accessori forniti in dotazione si limitano alla custodia subacquea e poco altro, obbligando l’utente a sborsare decine e decine di euro per ogni accessorio extra.

Tra i vari agganci inclusi nella confezione segnaliamo la molletta per agganciarla ai vestiti con tanto di inserto per tenerla ben salda senza alcuna custodia impermeabile, fascette a strappo e in plastica, laccio di sicurezza in acciaio, coperchio di scorta per la custodia impermeabile, panno in microfibra per la pulizia, piastre extra, adesivi ed ovviamente qualche braccetto in più per permettere di agganciarla e sistemarla al meglio in ogni situazione.

Tutti gli accessori, è bene precisarlo, sono compatibili con quelli GoPro: ciò significa che potrete utilizzarli con qualsiasi GoPro o, viceversa, potrete acquistare (o farvi prestare da un amico che li ha già) accessori originali particolari come la pettorina, l’handgrip o la mount con ventosa per l’automobile anche se, su Amazon, di accessori non originali e compatibili con GoPro (e quindi anche con la SJ4000) se ne trovano a centinaia.

Nel nostro caso, con gli accessori in dotazione siamo riusciti ad agganciarla su un casco da bicicletta ed uno da motocross con le fascette, su un casco classico con la piastra adesiva e il laccio di sicurezza in acciaio, sul manubrio di moto e bicicletta (nonché sull’arco da Robin Hood quando l’abbiamo portata ad una festa di Carnevale), sui vestiti con la clip, sul cavalletto, sul GorillaPod (usato come handgrip) e su un monopiede (usato come asta selfie) con la piastra, nonché sul CapturePRO di Peak Design (che recensiremo a breve) per agganciarlo allo spallaccio dello zaino.

SJ4000, le funzioni del menù

Una volta ricaricata, è sufficiente accenderla e premere il tasto OK per cominciare a registrare con le impostazioni di fabbrica. Tuttavia, una volta impostato il menù nella lingua italiana, è ancora più facile farsi un giro tra le varie funzioni attivando o disattivando tutto ciò che può interessare o rivelarsi utile in base all’occasione. Oltre alla qualità video, che riprende in Full HD a 1080p e 30fps, è possibile ad esempio diminuire la risoluzione per ridurre il peso dei filmati ed aumentare lo spazio su disco. Tra l’altro si può decidere se registrare video in loop della lunghezza di 3-5-10 minuti ciascuno oppure senza alcun limite, attivare l’HDR, avviare la registrazione quando viene rilevato un movimento (utile se la si impiega come telecamera di sicurezza), attivare/disattivare la registrazione audio, attivare lo stabilizzatore, regolare lo spegnimento automatico e tutta una serie di parametri come ISO, bilanciamento del bianco, nitidezza, esposizione, colore ed altre funzioni legate alla modalità Foto.

Nel video che segue vi mostriamo un confronto nella qualità di ripresa di tutte le risoluzioni disponibili, nonché di alcune funzioni come HDR, audio con e senza custodia subacquea. Abbiamo provato anche a mettere alla prova lo stabilizzatore accentuando volutamente le vibrazioni durante una breve camminata: in effetti una leggera riduzione c’è, anche se funziona in maniera ottimale quando si verificano leggere oscillazioni, come confermato più avanti nel video test in moto.

SJ4000 come va

L’angolo di ripresa, di 153 gradi, è abbastanza ampio per riprendere le scene d’azione. La batteria, da 900 mAh, è removibile garantisce circa 50 minuti di video dove, registrando a 1080p, equivale a circa 5 GB di spazio su disco: inserendo una scheda da 16 GB resta quindi molto tempo disponibile che, durante i test, abbiamo sfruttato ricaricando l’action cam con una batteria d’emergenza. E’ interessante notare che l’action cam è in grado di registrare anche mentre è in ricarica, che avviene (da 0% a 100%) in un paio d’ore: se avete programmato un’uscita impegnativa dove pensate di registrare per più di un’ora è consigliabile quindi acquistare una batteria di scorta e magari un caricatore, sostituendola al momento del bisogno.

SJ4000 confronto con GoPro Hero 3+ Black

Abbiamo avuto la possibilità di confrontare la ripresa video con la GoPro Hero 3+ Black di un amico. Nel test emergono i limiti della nostra SJ4000 anche se, è bene precisarlo, abbiamo avuto un meteo poco favorevole per un test più accurato e preciso. Con entrambe le camere impostate per riprendere a 1080p e 30 fps, la SJ4000 propende per bilanciare il video su tonalità più fredde, inoltre offre filmati leggermente più contrastati (la GoPro invece sembra non contrastare abbastanza): sebbene tutto questo può essere recuperato in buona parte aggiustando i valori con un software di editing video (noi lo abbiamo fatto con iMovie), la differenza maggiore si nota nel dettaglio finale, dove la GoPro vince senza troppi sforzi. Ovviamente tale differenza è giustificata dal prezzo, cinque volte inferiore per quanto riguarda la SJ4000 rispetto alla rivale che, d’altra parte, viene venduta a 350 euro dove nel prezzo non sono per altro conteggiati gli accessori, che invece troviamo inclusi nella confezione della SJ4000.

Se dovessimo elencare poi le differenze a favore rispetto alla più blasonata avversaria, oltre all’abbondanza degli accessori, va sottolineato il fatto che qualsiasi GoPro non è dotata di schermo LCD, che va acquistato separatamente e montato alla bisogna, mentre sulla SJ4000 lo troviamo già integrato sul retro. E’ anche vero che la SJ4000 non ha il WiFi, registra l’audio in mono e non dà la possibilità di collegare microfoni esterni. L’audio di ripresa è comunque buono senza custodia waterproof anche se, chi acquista questo genere di video, difficilmente la collegherà in WiFi allo smartphone (nei nostri test non ne abbiamo mai sentito il bisogno) o la utilizzerà per registrare audio di qualità in quanto nella maggior parte dei casi la traccia audio viene addirittura rimossa in favore di una base musicale pensata per enfatizzare la scena.

Conclusioni

SJ4000 è a nostro avviso la scelta migliore se si desidera avere una action camera a poco prezzo in quanto, seppur non certo paragonabile a videocamere ben più costose, permette di registrare video in Full HD. E’ l’acquisto ideale per chi vuole riprendere scene di vita quotidiana, gite, corse in bicicletta ed attività sportive amatoriali senza troppe pretese. E’ l’action camera da tutti i giorni, che potrete lasciare nello zaino e tirare fuori nel momento del bisogno: noi ci siamo ormai abituati ad agganciarla allo zaino durante le nostre uscite fotografiche, documentando tutto ciò che incontriamo lungo il cammino. Non siamo riusciti a rinunciarci neanche al cenone di Carnevale dove, ben salda all’arco di Robin Hood, abbiamo registrato tutta la festa, montando il tutto in pochi minuti su iMovie e realizzando così un breve video-ricordo per far sorridere i nostri amici.

Prezzo al pubblico

Se ci pensate un attimo, la  SJ4000 è gratis. Nella confezione infatti sono inclusi diversi accessori ed agganci che valgono quanto si spende per acquistare tutto il kit su Amazon. La verifica potete farla oggi stesso informandovi sul costo degli accessori per GoPro, volendo anche sullo stesso Amazon, dove spesso si trovano a prezzi ribassati: scoprirete che i 68,99 (prezzo Andoer, uno dei più bassi,. della SJ4000) non bastano per acquistare neanche la metà degli accessori che trovate nella scatola.

Pro

  • prezzo imbattibile
  • compatibilità con gli accessori e gli agganci GoPro
  • accessori per tutti i gusti già inclusi nella confezione
  • riprese in Full HD a 1080p 30fps
  • batteria removibile
  • registra anche mentre è in ricarica
  • schermo LCD integrato
  • versatilità (security cam, video time lapse, ecc.)

Contro

  • manca il WiFi
  • bassa qualità fotografica
  • autonomia di soli 50 minuti

Offerte Speciali

CyberMonday arrivano gli iPhone 13 Pro in pronta spedizione

iPhone 13 Pro Max, minimo storico a 1329€ per la versione da 256 GB

Su Amazon il top degli iPhone 13 Pro, il 13 Pro Max da 256 TB scende al minimo. Risparmiate 80€
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,929FollowerSegui