StarOffice, dal 21 maggio si paga

di |
logomacitynet696wide

Sparisce dalla categoria freeware uno dei prodotti simbolo dell’€™open source. StarOffice dal 21 maggio costerà  76 dollari. Inquietudine da parte del mondo che gravita su Linux

Niente più StarOffice gratuito. Quello che ci si attendeva da qualche tempo è stato annunciato ieri da Sun.
La società , che cura lo sviluppo del pacchetto di produttività  concorrente di Office di Microsoft, ha infatti annunciato che metterà  termine alla politica di distribuzione gratuita della suite. Il costo a partire dal 21 maggio, momento del lancio della versione 6.0, sarà  di 75,95$ sul mercato americano.

Si tratta, ovviamente, di un prezzo di quasi 10 volte inferiore a quello di Office, ma in ogni caso il fatto che Sun abbia deciso di caricare un costo per StarOffice rappresenta una svolta per un prodotto che sino a ieri era la bandiera dell’€™open source tanto da essere citato come un esempio.

Ricordiamo che StarOffice è basato su OpenOffice, un progetto open source che recentemente ha avuto un ‘€œritorno di fiamma’€ anche per Mac OS X e che teoricamente è in grado di produrre per la nostra piattaforma una suite di strumenti di produttività  (scrittura, fogli di calcolo e altri) concorrente di Office. Simili alternative fondate su OpenOffice sono già  a disposizione del mondo Windows e Linux e continueranno ad esserlo anche dopo il rilascio di StarOffice 6 che non li cancellerà  dal mercato.

Tra l’€™altro OpenOffice continuerà  a restare alla base di StarOffice anche in futuro; la suite implementerà  le modifiche e i miglioramenti che la comunità  open source apporterà  ad OpenOffice, ritenendo anche un pizzico della filosofia degli inizi. Le università  e le realtà  didatiche non pagheranno alcun costo per usare StarOffice, neppure la versione che andrà  in vendita nei prossimi gorni.

Ora si attende la reazione della comunità  open source. Nel momento in cui cominciò ad apparire probabile che Sun avrebbe applicato un prezzo al StarOffice i sostenitori di Linux, per cui rappresenta il principale strumento di produttività , manifestarono inquietudine e contrarietà .