Android non potrà più fare pipì su Apple, Google sospende Map Maker

Android non farà più pipi su Google Maps; la casa di Mountain View, infatti, ha deciso di sospendere il servizio Map Maker, che permetteva agli utenti di apportare modifiche alle mappe, anche indesiderate o imbarazzanti

Qualche settimana fa gli utenti Android hanno avuto di che sghignazzare, vedendo su Google Maps un enorme robottino verde faceva indisturbato i propri bisogni su una Mela. L’attacco non troppo velato ad Apple, però, non è stato frutto di uno scherzo studiato dal team interno a Google Maps, bensì la trovata di un affezionato utente Android, che ha sfruttato il servizio Map Maker per creare questo enorme murales geografico. Anche se divertente per i fan Android, la cosa non lo è stata molto per Mountain View che si è trovata in imbarazzo visto che lo scherzo non solo non era molto raffinato, ma era stata applicata su un prodotto ufficiale Google ed era difficile fare una distinzione tra il bricolage e una scelta deliberata dettata dalla stanza dei bottoni. Di qui la decisione di sospendere il servizio Map Maker, fino alla creazione di un nuovo, e più sicuro, sistema di moderazione delle mappe.

Il servizio Maps Maker nasce dalla volontà di Google di migliorare le proprie mappe, permettendo agli utenti di effettuare modifiche direttamente sul campo. Per gli utenti certificati, i “Google Reviewers”, queste modifiche alle mappe vengono, o meglio venivano, approvate automaticamente. Questo sistema, però, prestava il fianco a problematiche evidenti, come l’apparizione del robottino verde che fa pipì su una mela. Questa sorta di “easter egg” indesiderato, tra l’altro, non è stato nemmeno l’unico, dato che numerose sono state le intrusioni sulle mappe di Google. Tra le altre, anche una enorme scritta che metteva proprio in dubbio il deficitario sistema di approvazione alle modifiche effettuate con Map Maker.

Google, dunque, è corsa ai ripari; in un primo momento ha eliminato il disegno incriminato dalla propria mappa, mentre con la decisione odierna ha ben pensato di arrestare il sistema di approvazione automatico delle modifiche alle mappe. Il cambiamento nel sistema di moderazione avverrà domani 12 maggio, e sarà probabilmente seguito da un cambiamento di direttive, che renderà più complicato, ma anche più sicuro, il sistema per apportare modifiche alle mappe.

google maps