fbpx
Home iPhonia iPhone Software Apple richiede la "scheda nutrizionale" della privacy

Apple richiede la “scheda nutrizionale” della privacy

A partire da oggi gli sviluppatori possono inviare i dettagli relativi alla privacy delle proprie applicazioni richiesti da Apple. Se ne era parlato a giugno quando, durante la WWDC 2020, Apple ha paragonato queste informazioni all’etichetta nutrizionale degli alimenti.

In pratica prima di acquistare e scaricare un’applicazione, gli utenti hanno modo di scoprire quali dati vengono raccolti e in che modo attraverso un nuovo pannello presente nella scheda dell’app sull’App Store. Si tratta appunto di una sorta di “scheda nutrizionale della privacy” attraverso la quale si può scoprire ad esempio se una determinata app raccoglie informazioni come il nome dell’utente, il suo indirizzo email, le informazioni di pagamento, la posizione geografica, oppure se richiede l’accesso alle foto, ai messaggi, alla cronologia del browser o degli acquisti.

Per ciascuno di questi dati eventualmente raccolti, nella nuova scheda sono riportati anche gli usi che se ne faranno. Ad esempio se saranno usati per scopi pubblicitari, per analisi di mercato o per la personalizzazione del prodotto. Soprattutto, se questi dati saranno legati all’account, al dispositivo o all’identità dell’utente.

Questa nuova sezione presente nelle schede promozionali delle app su App Store sarà visibile entro l’anno ma a partire da oggi, come dicevamo, gli sviluppatori sono tenuti ad aggiornare le proprie applicazioni fornendo questi dettagli. A partire dal prossimo mese poi, per ogni nuovo aggiornamento o nuova applicazione pubblicata nel negozio saranno informazioni obbligatorie, senza le quali non sarà possibile pubblicarli sullo store.

Si tratta sostanzialmente di un altro passo avanti fatto verso una maggiore consapevolezza che gli utenti possono avere nell’ottica del controllo sulla propria privacy, un argomento a cui Apple tiene particolarmente e verso il quale, da qualche anno, sta investendo notevoli risorse al fine di migliorare i propri prodotti giorno dopo giorno. Con iOS 14 in questo senso si è fatto un notevole salto di qualità soprattutto grazie alle funzioni di anti-tracciamento degli annunci.

Per approfondire le novità in arrivo in Safari rimandiamo i lettori agli articoli dedicati a iOS 14 e macOS 11 Big Sur. Tutti gli articoli di macitynet che parlano di iPhoneiPadMac e Apple Watch sono disponibili ai rispettivi collegamenti. Tutto quello che c’è da sapere sulle prossime versioni di iOS 14iPadOS 14macOS Big Sur e Apple Watch 7 è riassunto negli approfondimenti di macirtynet ai rispettivi collegamenti.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

MacBook Pro M1 scontato a 1599 euro per la versione 512GB (uno solo disponibile)

Su Amazon per la prima volta va in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 110 euro sul listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,984FansMi piace
93,611FollowerSegui